L’ex difensore di Barcellona e Juventus critica alcuni comportamenti del club catalano e non è la prima volta.

In un’intervista rilasciata al The Guardian Dani Alves ripercorre i suoi ultimi mesi al Barcellona. “Sono stato felice di essere tornato al Barcellona. Ho sognato per cinque anni di vivere quel secondo momento. L’unica cosa che non mi è piaciuta è stata come è stato gestito il mio addio. Dal primo giorno in cui sono arrivato ho detto molto chiaramente che non ero più un ragazzo di 20 anni e che volevo che le cose si facessero in anticipo, senza nasconderle”.

Pallone Champions League

Ma questo club ha sbagliato negli ultimi anni. Il Barcellona non si preoccupa delle persone che hanno fatto la storia del club. Come culé vorrei che la società facesse le cose in modo diverso. Non parlo solo di me. Sarò eternamente grato a Xavi e al presidente per avermi riportato indietro. Ho trovato una squadra piena di giovani con idee incredibili. Ma il club ha bisogno di migliorare il proprio lavoro fuori dal campo. La mentalità è totalmente l’opposto di quella che abbiamo costruito anni fa. Tutto ciò che accade in campo è un riflesso di ciò che accade fuori“. Il terzino sembra possa accasarsi al Real Valladolid.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 13-07-2022


Spalletti: “Koulibaly va ringraziato in ogni caso, Dybala piace a tanti”

Ranocchia: “Il Monza è molto ambizioso, non dimenticherò il saluto di San Siro”