Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis cerca di spiegare il calo del Napoli e rivela anche diversi retroscena del passato.

DAZN ha intervistato Aurelio De Laurentiis che non ha fatto mancare qualche frase interessante. “Come la Ferrari a Imola, ci siamo basati sull’ottimo inizio, per poi cadere tra tra Covid, Coppa d’Africa e altre limitazioni che hanno complicato il lavoro di tutti. Problema psicologico già riscontrato in passato? Tutte c****te”.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic

Non posso pensare che esista una mosca tsé-tsé che, a un certo punto, si metta a creare problemi all’intera squadra, composta da giocatori di così alto livello. Mi sembra assurdo. Luciano Spalletti? L’ho voluto io. Ancelotti è un fuoriclasse che ha avuto solo la sfortuna di non essere simpatico ai tifosi napoletani. Non ha avuto la furbizia di rendersi tale e non è stato visto come “uno dei nostri” dalle curve. Avevamo già firmato tutto con Zlatan, l’accordo c’era. Poi venne esonerato Ancelotti e al suo posto arrivò Gattuso. Mi chiamò e mi disse: Si fidi di me, non abbiamo bisogno di Ibrahimovic perché. E mi fidai”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 29-04-2022


Marotta: “Siamo incazzati non depressi, mancano ancora 4 partite”

Thiago Motta: “Dobbiamo stare molto attenti alla Lazio, ma nel calcio niente è scontato”