L’amministratore delegato dell’Inter Beppe Marotta non alza bandiera bianca nella corsa al titolo e rivela che anche Hakimi voleva andar via.

Anche Beppe Marotta ha parlato all’evento Il Foglio: “Da uomo di sport sorrido, abbiamo perso una battaglia, non la guerra. Dobbiamo cercare di ricomporci, siamo incazzati, non depressi. 4 partite, nel calcio di oggi non sono scontate come negli anni ’70 o ’80. Anche la squadra che non ha nulla da dire, può dire la sua. Non è che chi più spende vince”.

Achraf Hakimi
Achraf Hakimi

L’estate scorsa c’è stata una scossa molto forte, sono andati via giocatori, tranne Eriksen che non dipendeva da lui. Lukaku e Hakimi hanno espresso il desiderio di andare altrove e noi avevamo sostenibilità attraverso queste operazioni di mercato. Abbiamo operato come negli altri anni precedenti, cercando di mettere su una squadra competitiva, con un allenatore giovane ed emergente come Inzaghi che sta rispondendo pienamente alle nostre esigenze. Stiamo lottando per lo scudetto, abbiamo vinto la Supercoppa, siamo in finale di Coppa Italia e siamo molto contenti. Siamo molto contenti, speriamo ci siano 2 ciliegine. Lo si deve alle strutture e alla solidità del club”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 29-04-2022


Agnelli: “Voglio bene a Marotta e mi manca”

De Laurentiis: “Avevo preso Ibra ma Gattuso disse che non serviva”