L’attaccante argentino ha sottolineato l’importanza che ha avuto Josè Mourinho nella sua scelta di giocare per la Roma.

Paulo Dybala ha rilasciato la prima intervista da giocatore giallorosso spiegando perché non indosserà la maglia numero 10. “È stato tutto molto veloce, io avevo voglia di cominciare e abbiamo deciso velocemente. E poi abbiamo firmato insieme per cominciare questa avventura. Mi hanno convinto tanti aspetti, la chiamata del mister, del direttore, aver potuto parlare col presidente, sono stati i punti più importanti. Mi hanno dato certezze, il mister è stato anche chiaro con le sue idee, poi giocare per questa squadra, per cosa rappresenta nel paese e nel mondo“.

Josè Mourinho

Le chiamate di Mourinho mi hanno emozionato, ho parlato a lungo con lui, abbiamo fatto una bella chiacchierata. Ho avuto la fortuna di giocare con i più grandi della storia del calcio e ora posso dire di poter lavorare con uno dei migliori allenatori della storia del calcio. Avevo parlato col direttore Pinto, lui mi aveva proposto la 10 che è molto importante qui per quello che ha fatto Totti. Ma credo che quel numero e quella maglia debba ancora essere sua per ciò che rappresenta. C’è bisogno di tanto rispetto e responsabilità per una maglia così, un giorno magari potrò portarla, ma oggi sono contento di avere il 21 che per me è importante”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 21-07-2022


Il Torino ha scelto il nuovo capitano

Bergomi: “Nessun rimpianto per Bremer ma bisogna tenersi Skriniar”