Queste le motivazioni della sentenza della corte federale d’appello rilasciate sul portale della Figc. Ecco le parti più importanti.

Sono arrivate le motivazioni della corte federale d’appello per la sentenza del caso plusvalenze rilasciate sul sito della Figc.

Per il tribunale: “il metodo di valutazione adottato dalla Procura Federale può essere ritenuto “un” metodo di valutazione, ma non “il” metodo di valutazione. […] al metodo di valutazione adottato dalla Procura Federale potrebbero contrapporsi altri, ugualmente degni di apprezzamento che magari tengano conto (se del caso, anche) di “investimenti” su giovani calciatori ritenuti di prospettiva (con inerente “apprezzamento” del loro valore di acquisizione); della necessità di entrate finanziarie, anche per compensare esborsi per acquisizioni;

Aggiunge la motivazione: “della necessità di rinforzare la squadra in uno o più ruoli, che magari presentino una scarsità di offerta valida, con inerente lievitazione del corrispettivo di acquisizione; e così via, secondo le caratteristiche tipiche del calcio e delle società professionistiche, che devono confrontarsi anche con i media e con i propri sostenitori.

Continua il tribunale: “In sostanza, il Tribunale ritiene che non esista o sia concretamente irrealizzabile “il” metodo di valutazione del valore del corrispettivo di cessione/acquisizione delle prestazioni sportive di un calciatore. Tale valore è dato e nasce in un libero mercato, peraltro caratterizzato dalla necessità della contemporanea concorde volontà delle due società e del calciatore interessato. E non è un caso che nella stessa Relazione dell’attività inquirente si faccia riferimento alla difficoltà di individuazione del fair value perché non assistito da un adeguato livello di elaborazione scientifica.” questa la parte più importante.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 27-05-2022


Milan: quanto risparmia con l’addio di Kessié

Champions League: quanto vale vincerla per Liverpool e Real Madrid