L’attaccante dello Zurigo e della nazionale italiana Wilfried Gnonto ha parlato del poco coraggio dei club italiani coi giovani.

Sportweek ha intervistato Wilfried Gnonto chiedendogli dei suoi idoli. “Il mio sogno è giocare nel Barcellona. Messi è il mio idolo, anche adesso che è al Psg. Ha fatto tantissimi sacrifici fin da quando ha iniziato, la sua famiglia lo ha sempre sostenuto anche se non era nelle migliori condizioni economiche. Non dimentica le sue origini, è uno tranquillo, la prima ragazza è diventata sua moglie, non è cambiato nel tempo: nella sua storia rivedo me stesso”.

Lionel Messi

E poi, in campo fa cose come nessun altro. Se fossi rimasto all’Inter non avrei esordito così presto in nazionale. In Italia per un giovane è più difficile. Con la Nazionale ho giocato contro l’Inghilterra: c’erano ragazzi poco più grandi di me che vanno in campo con Arsenal, Tottenham, Chelsea. Non ho visto questa grande differenza tra noi e loro, ma loro hanno più possibilità. In Inghilterra o Germania, se uno è bravo lo fanno giocare, non guardano la carta d’identità. È mentalità, coraggio”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 03-07-2022


Totti: “C’è stata una chiacchierata tra Roma e Dybala”

Marcolin: “Ma la difficoltà dell’Inter è sostituire Perisic”