L’ex tecnico dello Shakhtar Donetsk rivive i momenti drammatici della guerra.

Non solo calcio. Il dramma della guerra ti scava qualcosa dentro e a distanza di anni diventa terribile rivivere certe sensazioni. Mircea Lucescu, oggi allenatore della Dinamo Kiev, è intervenuto ai microfoni di Radio Rai per ricordare quanto vissuto allo scoppio della guerra in Crimea otto anni fa, quando allenava lo Shakhtar: “Ho vissuto situazioni difficili, nel 2014 siamo stato obbligati ad andare via da Donetsk e andare a giocare le ultime gare in un altro stadio, poi non siamo più tornati.

Juventus Stadium

Abbiamo giocato ovunque ma mai a casa nostra. Pensavo finisse così la questione ma adesso c’è la guerra con la Russia. Eravamo tornati dalla Turchia due giorni prima, il giovedì avevamo l’allenamento e sabato la partita ma nella notte c’è stato il terribile attacco e sappiamo com’è poi andata. Credo che sarà difficile da riprendere il campionato, allora ho deciso di andare via”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

slider

ultimo aggiornamento: 14-03-2022


L’annuncio del sottosegretario Costa: “Entro fine marzo gli stadi torneranno al 100%”

Milan, che sorpresa: due campioni a Milanello