L’attaccante del Milan Zlatan Ibrahimovic rivela l’incontro col suo idolo fin da bambino e rimanda i discorsi sul ritiro.

Zlatan Ibrahimovic è stato intervistato dal sito ufficiale della UEFA: “Per me il miglior giocatore della storia è Ronaldo “il Fenomeno”. L’ho seguito e l’ho ammirato. Ha fatto cose che tutti volevano fare, cose che non si erano mai viste prima, e tutti hanno cercato di copiarlo. Quando andavamo a giocare al parco con gli amici, cercavamo tutti di fare le stesse cose. Poi l’ho conosciuto davvero e ho giocato contro di lui – purtroppo mai con lui – e improvvisamente tutto quello che era irreale è diventato reale“.

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic

“Il Milan? Gioco con molta emozione perché è un club che mi ha dato la felicità, mi ha dato tanto e penso di aver trascorso più anni qui che in tutti i club che ho rappresentato. È stato bello tornare in Champions. Dopo aver sfiorato la qualificazione per un paio d’anni, tutti erano molto contenti di tornare. Come mi sento a non averla mai vinta? In due modi: vincerla sarebbe fantastico, non vincerla non mi cambierebbe come giocatore. Vincerla non significherebbe essere un giocatore migliore, perché sono già il migliore, ed è stato dimostrato che il migliore [Ronaldo, ndr] non vince tutto. Futuro? Deve ancora essere scritto, non faccio programmi e vediamo cosa succede. Non ritirarmi e poi dire che avrei potuto continuare, perché me ne pentirei per il resto della vita. Voglio giocare il più a lungo possibile. La realtà è che giocherò finché non vedrò qualcuno più bravo di me, quindi gioco ancora”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 26-03-2022


Mihajlovic dovrà essere nuovamente ricoverato, le sue parole

Tomori: “Maldini ci riempie di consigli, rispetto all’Inghilterra…”