Tomori per il derby contro l’Inter. Una pazza idea? Non secondo i medici. Il perno su cui si poggia il reparto difensivo del Milan coltiva la speranza di bruciare le tappe e difendere la porta di Maignan. Le parole del dott. Giuseppe Capua, esperto in traumatologia dello sport a Milannews.it: “L’intervento in artroscopia significa che si entra all’interno dell’articolazione con una telecamera e l’inserimento di acqua, grazie alla quale si entra poi, attraverso una seconda incisione, con uno strumento chirurgico (come una forbice, una pinza o una sorta di fresa) che va a correggere la lesione del menisco”.

Risultati Serie A 20 dicembre 2020 - Classifica aggiornata

“La ripresa riguarda in primis la ferita causata dall’intervento, la quale ha bisogno di circa 10-15 giorni per cicatrizzarsi. All’interno dell’articolazione, ovviamente, tutto deve essere stato sistemato: il menisco non viene rimosso, ma viene rimossa solo la parte lesionata attraverso una meniscectomia parziale. Il tempo di ripresa totale in media è da un mese in su: l’articolazione va riabilitata con una fisioterapia che, in genere, comincia 2-3 giorni post intervento, viene ristabilito il tono muscolare e l’arto infortunato ‘torna alla normalità’ nel giro di un mese. L’atleta può riprendere gli allenamenti intorno ai 15-20 giorni e rientrare in campo dopo massimo 35-40 giorni”. Possibile dunque un recupero lampo per il match più atteso contro i cugini? “Potrebbe anche farcela – sostiene il dott. Capua -.Se forzano un po’ i tempi anche se – ripeto – forzare non è sempre positivo. Rischi? No, sono relativi, parliamo di giuste cautele. La scelta sarà fatta dall’equipe medica del Milan che, a mio modo di vedere, è tra le migliori in Italia; sono molto bravi, molto esperti e molto capaci”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 15-01-2022


Milan, senti Gabbia: “Siamo forti. Pioli fondamentale”

Allegri “dribbla” Dybala