Il presidente della Fifa, Gianni Infantino parla durante l’evento del World Economic Forum di Davos. Queste le sue parole.

Gianni Infantino parla all’evento di World Economic Forum di Davos, il presidente Fifa apre così in vista del mondiale in Qatar 2022: “Mandela diceva che lo sport può cambiare il mondo e aveva ragione. Il calcio è lo sport più popolare al mondo, l’ultimo Mondiale è stato visto complessivamente da 4 miliardi di persone, la prossima in Qatar sarà vista da 5 miliardi, parliamo di molto di più della metà della popolazione mondiale. Non sarà solo la migliore coppa del mondo calcisticamente, ma anche perché sarà una esperienza magnifica.

Gianni Infantino
Gianni Infantino

Aggiunge il presidente Fifa: “Perché il calcio è speciale? Tutti hanno la loro risposta. Se si analizza più in profondità, è unico perché ci sono diverse dimensioni: economica, sociale ed emozionale. L’elemento economico è importante, l’economia del calcio su scala globale vale 200 miliardi di dollari, è come l’economia di uno Stato di media grandezza.”

Parla del settore economico: “Se si pensa poi che il 70% del valore economico del calcio è in Europa e che la parte europea dell’economia mondiale non rappresenta certo il 70%, significa che c’è potenziale economico importante a livello globale. Poi c’è l’ aspetto sociale, perché il calcio cambia la vita di tante persone, e poi c’è l’aspetto emozionale: basti pensare che quando una squadra perde piangono interi Paesi. Credo che il calcio sia molto più di un semplice sport, senza dubbio”. Conclude il presidente Infantino.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 23-05-2022


La Liga denuncia il PSG per il rinnovo di Mbappé

De Siervo, Serie A: “No a 18 club, resta calendario asimmetrico”