Samir Handanovic

L’ex estremo difensore sloveno partirà dell’Under 17 mentre è stato scelto anche il successore di Chivu.

L’Inter ha ridisegnato le guide tecniche di diverse squadre delle giovanili: ecco il quadro completo disegnato da Tuttosport.

Le novità

L’addio di Cristian Chivu dalla guida della Primavera ha innescato una serie di cambi significativi. La novità più rilevante riguarda l’ex fantasista Benito Carbone, che si accinge a prendere le redini dell’Under 18 dell’Inter. Una scelta che porta nella cantera nerazzurra un profilo di alto livello, dotato di un’esperienza internazionale considerevole non solo nei campi italiani ma anche oltreconfine. Carbone, infatti, dopo una breve avventura negli Emirati Arabi, durante la quale ha assunto la guida tecnica del club in cui giocava Andres Iniesta in seguito all’esonero dell’ex portiere Walter Zenga, ritorna in Italia con il compito di plasmare i giovani talenti nerazzurri.

INTER COPPA PRIMAVERA TIM
INTER COPPA PRIMAVERA TIM

Promozioni Interni e Nuovi Ruoli

La promozione di Andrea Zanchetta a capo della formazione Primavera, al posto di Chivu, testimonia la tendenza del club milanese a premiare e valorizzare i successi conseguiti all’interno del proprio settore giovanile. L’italiano, infatti, si è diviso dal 2016 ad oggi tra Under 17 ed Under 18. Infine Samir Handanovic, ex capitano e storico portiere dell’Inter inaugura la sua nuova carriera da allenatore prendendo in mano le redini dell’Under 17. L’ex giocatore sloveno aveva annunciato già l’anno scorso di voler fare l’allenatore; lo sloveno nell’ultimo anno, dopo aver appeso i guantoni al chiodo, aveva ricoperto il ruolo di osservatore dell’Inter.

L’articolo Inter: nuovo ruolo per Handanovic, ecco inoltre chi sarà l’allenatore della Primavera proviene da Notizie Inter.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 26-06-2024


Inter: quasi fatta per Martinez, per chiudere il mercato bisogna risolvere solo 2 questioni

Inter: Lautaro e Calhanoglu esempi della politica societaria sui rinnovi, ora tocca ad Inzaghi