L’allenatore dell’Inter Simone Inzaghi non è teso alla vigilia dell’ultima gara di campionato che assegnerà lo Scudetto.

Simone Inzaghi è piuttosto tranquillo in conferenza stampa; il tecnico interista ha ricordato i meriti della sua squadra. “Io posso dire come eravamo partiti e quali erano gli obiettivi, sapevamo non sarebbe stato un anno semplice. Bravi a vincere due coppe essendo qui a giocarci lo scudetto all’ultima giornata. Il campionato può riservare sempre qualcosa, il mio obiettivo ora è sulla Sampdoria. Non è stato facile giocare a Cagliari contro una squadra che doveva salvarsi. Sto vivendo con grande serenità qua coi giocatori e a casa con la famiglia e i miei bimbi.”

Inter Coppa
Inter Coppa

La squadra ha fatto una grandissima annata. Sarebbe straordinario vincere domani, ma abbiamo dato tutto, abbiamo dato grandi soddisfazioni a un pubblico che si è meritato due trofei. Anche nel mese e mezzo dove sono mancati i risultati i tifosi non ci hanno mai abbandonato. La serata di gennaio per la Supercoppa e la vittoria della Coppa Italia fanno venire la pelle d’oca. Noi allenatori siamo sempre sotto giudizio, com’è giusto che sia. Io so il percorso che ho fatto insieme al mio staff. So quali erano gli obiettivi e sapevo quali fossero i problemi dell’Inter. Col gioco e i risultati abbiamo aumentato le responsabilità. Siamo andati al di là delle aspettative. La squadra l’ho vista molto concentrata e carica. Abbiamo fatto una settimana normale. Voto? In questo momento non ho pensato a nulla. Perisic l’ho incontrato tante volte da avversario ed è sempre stato un osservato speciale. Quest’anno ha fatto una stagione straordinaria, si è superato e spero che ci possa essere la fumata bianca, so che c’è un incontro in programma con la società. È un giocatore importante anche per il futuro”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 21-05-2022


Spezia-Napoli probabili formazioni

Commisso: “Siamo a un passo dall’Europa, andiamo a prenderla”