All’interno dei vertici della Juventus c’è una netta spaccatura tra chi crede in Allegri e chi lo vuole fuori dai bianconeri.

Dentro i vertici della Juventus e anche della storica famiglia Agnelli-Elkann c’è una crepa evidente sull’allenatore dei bianconeri: Max Allegri. Andrea Agnelli ad inizio stagione ha puntato tutto su di lui, dandogli ampi poteri e un contratto addirittura quadriennale. Insomma una vittoria nelle richieste del Mister livornese. Ma il risultato è peggiore dell’anno scorso quando la scelta di Pirlo aveva fatto storcere il naso, ma il giovane tecnico che aveva un contratto quasi 10 volte in meno di Allegri ha comunque raggiunto due trofei.

Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri

Allegri non può più arrivare a due trofei, forse solo la Coppa Italia se riuscirà ad arrivare almeno in finale. In campionato si fatica parecchio, nonostante l’aver preso il capocannoniere della Serie A. La squadra sembra non ascoltarlo più, senza mordente.

All’interno della società si fanno delle riflessioni pesanti, l’aria del fallimento è enorme. Nemmeno il qualificarsi in Champions League potrebbe tranquillizzare il tutto. Lapo Elkann fratello di John si è esposto pubblicamente con due tweet “Stiamo poco allegri, Allegri” e “Gli uomini passano, la Juve resta”.

Chiaro che in dirigenza, lo stesso Nedved non è mai stato un estimatore del tecnico. Le riflessioni vanno fatte, il rischio è quello che Allegri resti fermo tre anni a nove milioni a stagione, ma ad un certo punto si potrebbe anche accettare questo enorme sacrificio. Dopotutto, gli errori si pagano sempre anche a caro prezzo.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

Juventus

ultimo aggiornamento: 17-04-2022


Atalanta-Verona: Zapata contro Simeone, le probabili formazioni

Tutta la delusione di Spalletti