Il presidente del Lecce, Damiani annuncia una politica completamente diversa per la nuova stagione in Serie A.

Damiani, presidente del Lecce annuncia una campagna per il prossimo mercato completamente diversa dall’ultima volta in Serie A. Nessuno o pochi prestiti, alla Gazzetta dello Sport rivela di voler una rosa propria per costruire un futuro solido in Serie A che duri più di poche stagioni.

IM_pallone_serie_A_2020
IM_pallone_serie_A_2020

Ecco le parole sulla strategia: “Avremo una politica diversa, l’altra volta avevamo puntato su giocatori in prestito. Quest’anno vorremmo mettere qualità nella rosa, magari anche nomi meno conosciuti, ma acquistarli e valorizzarli noi.”

Conclude su Corvino e Baroni: “Corvino ha ancora un anno di contratto, Baroni invece va a scadenza il prossimo 30 giugno. Ci dobbiamo ancora fermare un secondo dopo questo finale intenso, siamo al punto zero.”

In pratica la Salernitana ha lanciato il suo modello, giocatori sconosciuti ma di proprietà, carta in mano al direttore e soprattutto gli osservatori che prendono per fortuna sempre più potere.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 08-05-2022


Milan, Giroud: “Shevchenko era il mio attaccante preferito”

Cremonese, Pecchia: “Prestiti? serve la volontà di entrambi”