Francesco Acerbi

I due perni centrali della difesa a 3 sono entrambi ultratrentenni e incominciano ad accusare qualche stop fisico di troppo.

Uno degli obiettivi dell’Inter da realizzare sul mercato estivo è quello di abbassare l’età media della squadra che è tra le più alte della Serie A; sicuramente non si tratta dell’obiettivo primario e anzi è un qualcosa che può anche non essere preso in considerazione nei prossimi mesi.

Il ritorno

Questi sono i giorni in cui viene chiarito il futuro di diversi giocatori in prestito: Zinho Vanheusden non è stato riscattato dallo Standard Liegi, club di cui è stato anche talvolta capitano, ed è pronto per tornare all’Inter. Si tratta di un difensore centrale belga classe 1999. Nella sua ultima stagione è stato condizionato da diversi problemi fisici che ne hanno limitato di molto il numero delle presenze in campo. Lo Standard Liegi ha affrontato un campionato molto al di sotto delle aspettative non qualificandosi a nessuna coppa europea: impossibile così esercitare il diritto di riscatto a 7 milioni di euro.

Stefan De Vrij
Stefan De Vrij

Gli scenari

Il suo futuro quindi sembra un rebus al momento: l’ipotesi di un ulteriore prestito allo Standard Liegi sembra irrealizzabile. È difficile anche trovare qualche che club decida di investire soldi per comprare un giocatore finora molto incline ad infortunarsi. Fin dai tempi del settore giovanile i dirigenti nerazzurri hanno mostrato di credere tanto nelle caratteristiche del belga ma purtroppo gli infortuni stanno condizionando troppo la sua carriera. In linea del tutto teorica Vanheusden potrebbe essere il centrale giovane di cui ha bisogno l’Inter ma secondo Tuttosport però è improbabile che resti a Milano.

L’articolo L’Inter potrebbe avere già in casa l’erede di Acerbi e De Vrij proviene da Notizie Inter.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 15-06-2024


Il Mondiale per Club è una grossa incognita: anche Inter e Juve sarebbero poco convinte

Lautaro: “Felice per la doppietta, Carboni sta dimostrando il giocatore che è, ecco cosa gli consiglio”