Leao

L’obiettivo del mercato di gennaio del Milan sarà quello di trattenere i suoi migliori calciatori: Rafael Leao, Ismael Bennacer e Olivier Giroud

Il compito di Maldini e Massara nella sessione di mercato di gennaio è più duro del previsto. Per il Milan il compito non sarà quello di acquistare, se non in casi particolari, ma quello di riuscire a trattenere i suoi migliori calciatori.

Partiamo dal rinnovo di Ismael Bennacer, in cui respira oramai grandissima fiducia. Tutto pare essere cominciato quando il mediano rossonero ha voluto cambiare agente, ma l’incontro avvenuto prima di Natale a Casa Milan tra Maldini e Massara ed Enzo Raiola ha riavvicinato le parti. Adesso si tratterebbe di venirsi incontro con un ultimo sforzo da entrambe le parti per arrivare alla firma definitiva, con una cifra vicina ai 4 milioni di euro.

Poi c’è Olivier Giroud. Nelle ultime ore si parlava di una rottura con il Milan, ma rottura che non c’è e le negoziazioni proseguono in un clima cordiale e sereno. L’attaccante francese si accorderà definitivamente tra fine gennaio e inizio febbraio e la proposta dei rossoneri è quella di un contratto di un anno con opzione per una seconda ed eventuale stagione, il tutto all’ingaggio attuale.

Infine, abbiamo il tormentone Rafael Leao. La trattativa per il rinnovo di Leao al Milan verrà ricordata come una delle più complicate a cui abbiamo assistito negli ultimi anni. Non per le volontà delle parti in causa, decise a proseguire insieme, ma per fattori terzi che ostacolano la fumata bianca. Al momento, il club rossonero tratta per una cifra tra i 6 e i 7 milioni di euro l’anno, tetto massimo su cui ci si può spingere e che sarebbe comunque un aiuto economico importante per la questione Sporting.

L’articolo Mercato Milan, l’obiettivo di gennaio è trattenere i big: da Leao a Giroud proviene da Calcio News 24.

Riproduzione riservata © 2023 - CALCIOBLOG

feed

ultimo aggiornamento: 01-01-2023


Tabellone calciomercato invernale 2023: i trasferimenti in entrata e in uscita in Serie A

Bologna, con Thiago Motta la svolta: il 2022 è da 6,5 in pagella