Zlatan Ibrahimovic e Giorgio Furlani

Peppe Di Stefano, ai microfoni di Carlo Pellegatti, ha affrontato alcuni temi del nuovo Milan targato Ibrahimovic.

Il nuovo Milan riparte da Ibrahimovic, dalla sua figura carismatica che va senza dubbio a colmare l’apparente assenza della proprietà. Lo svedese è il collante tra il Milan inteso come società e quello rappresentato dal gruppo squadra e dei tifosi. Peppe Di Stefano, ai microfoni di Carlo Pellegatti, ha sottolineato l’importanza e la centralità di Ibra nel progetto rossonero.

Il ruolo di Ibrahimovic

Peppe Di Stefano ha evidenziato che Ibrahimovic ha mandato un messaggio, questo perché capisce i tifosi e ha ribadito che le idee sul progetto sono chiare e non parla tanto per farlo. Il Milan futuro è il suo Milan”. Per quanto riguarda i giovani “adesso trovi giocatori forte di qualsiasi nazionalità. Il Milan avrà bisogno anche di giocatori d’esperienza, non solo per il Milan Futuro, ma anche per la Prima. Hanno perso Giorud e Kjaer e Ibrahimovic lo sa”.

Zlatan Ibrahimović
Zlatan Ibrahimović

Capitolo mercato

Per quanto concerne il mercato il giornalista di Sky sottolinea che “che sarà diverso, servono colpi giusti. Per me la notizia di mercato è che Theo Hernandez resta al Milan. Al momento è tra i top dieci del Mondo in generale. Quando c’è lui in campo, il Milan cambia. Theo se sta bene gioca 50 partite l’anno, è un cannibale“. Per quanto riguarda il grande acquisto in attacco del Milan, Peppe Di Stefano ha le idee chiare e su Zirkzee afferma che in casa Milan “hanno una serie di nomi, per me lui è in cima alla lista”. 

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 05-07-2024


Piccari: “Il progetto più interessante è quello della Juve, metto il Milan dietro a tre squadre”

Milan, Rabiot e Szczesny dalla Juve: la clamorosa indiscrezione di mercato