Paulo Fonseca

Paulo Fonseca ha rilasciato le prime dichiarazioni come nuovo allenatore del Milan. Il portoghese era stato annunciato in mattinata da Zlatan Ibrahimovic.

Sciolte ormai anche le ultime riserve: Paulo Fonseca è il nuovo allenatore del Milan. Il portoghese ex Lille si lega ai colori rossoneri e sarà lui a raccogliere l’eredità di Stefano Pioli. Fonseca, dopo essere stato di fatto annunciato da Ibrahimovic in conferenza stampa, ha rilasciato le sue prime parole da allenatore del Milan sottolineando la propria contentezza e annunciando i primi obiettivi personali e della squadra.

Paulo Fonseca
Paulo Fonseca

Ibra ha fiducia in lui

Zlatan Ibrahimovic, durante la conferenza stampa, incalzato dai giornalisti in merito alla scelta di Fonseca come nuovo allenatore soprattutto dopo la contestazione dei tifosi, ha scacciato via ogni dubbio a riguardo. Lo svedese ha infatti affermato con convinzione assoluta che “Fonseca è un tecnico top. Ai tifosi posso dire che arriva qualcosa di nuovo. Un calcio diverso da prima. Un calcio dominante e offensivo. Con equilibrio anche difensivo. Sarà un’altra energia. Sarà un’altra faccia. Uno era pelato e l’altro ha più capelli. Però sempre eleganza”.

Le prime parole di Fonseca

Paulo Fonseca ha rilasciato le sue prime dichiarazioni da allenatore del Milan. Subito dopo l’annuncio ufficiale del Club il tecnico portoghese ha affermato di essere “orgoglioso di essere il nuovo allenatore del Milan e lavorerò per onorare questo Club e la sua grande storia. Insieme vogliamo eccellere e scrivere un nuovo capitolo di successi che speriamo di celebrare con i nostri straordinari tifosi. Forza Milan!” Poche parole ma pregne di significato e chiaro manifesto d’intenti per il futuro.

L’articolo Milan, Fonseca: “Orgoglioso di essere qui, l’obiettivo sarà…” proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 13-06-2024


Ibrahimovic: “Fonseca nuovo allenatore! Theo, Leao e Maignan restano. Il mercato sarà…”

Milan, idea Cash per la fascia destra di difesa: Calabria e Florenzi a rischio addio?