Furlani Milan

Il Milan potrebbe tentare un clamoroso acquisto a parametro zero: Iñigo Martínez potrebbe liberarsi a zero dal Barcellona.

Il Milan inizia a muovere i primi e decisivi passi sul mercato. Quest’ultimo sarà decisivo, un perfezionamento di quel processo di rivoluzione e cambiamento avviato lo scorso anno. Gli innesti da centrare dovranno essere di qualità, pochi ma buoni sembra essere il motto e lo slogan lanciato da Giorgio Furlani che, qualche settimana fa, descriveva le intenzioni societarie in chiave mercato. Proprio Furlani – scrive il popolare sito web ‘TodoFichajes.com‘ – potrebbe tentare di portare al Milan un giocatore ad alto concentrazione di qualità a parametro zero.

Iñigo Martínez a parametro zero?

La notizia fatta rimbalzare da ‘TodoFichajes.com‘ ha senza dubbio del clamoroso: Iñigo Martínez al Milan a parametro zero. Il contratto del difensore spagnolo scadrebbe in realtà nel 2025 ma il Barcellona potrebbe decidere di liberarlo gratis con un anno di anticipo. Tale scelta sarebbe da leggere nella volontà del club iberico di risparmiare il peso del suo stipendio, il quale a bilancio influisce per 9,3 milioni di euro lordi

Simon Thorup Kjaer
Simon Thorup Kjaer

L’uomo di esperienza ideale?

Il Milan dopo aver perso Kjaer, per scadenza di contratto, potrebbe ritrovare in Iñigo Martínez l’esperienza smarrita con l’addio del danese. Il classe 1991 in forza al Barcellona ha giocato nell’ultima stagione con Xavi in panchina 25 partite tra campionato e coppe. Il suo profilo è un mix ideale tra esperienza e qualità immediata, perfetto per offrire a Fonseca una base solida sulla quale costruire le nuove certezze del pacchetto difensivo rossonero che, nella prossima stagione, dovrà tentare di migliorare la voce gol incassati.

L’articolo Milan, idea Iñigo Martínez: Furlani tenta il colpo a parametro zero proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 29-06-2024


Milan, Moncada vigile su Rabiot: madre-agente come Kia con Zirkzee?

Milan, Sabatini: “Calafiori mi ha ricordato Franco Baresi”