Theo Hernandez

Alessandro Vocalelli ha affermato che qualora Theo non abbia più voglia di Milan, sarebbe corretto lasciarlo andare via.

Le dichiarazioni di Theo in merito al proprio futuro al Milan incendiano in dibattito calcistico, creando due nette fazioni: una a favore del terzino francese, l’altra decisamente più critica che “condanna” quanto ha detto. Alessandro Vocalelli, sulle colonne de La Gazzetta dello Sport, ha espresso la propria considerazione in merito alla situazione Theo-Milan, posizionandosi in mezzo alla contesa tra le due fazioni sopracitate evidenziando alcuni passaggi chiavi e assolutamente da considerare della vicenda.

Theo è indispensabile?

Il punto di vista di Vocalelli si articola in più punti. Il primo riguarda la natura essenziale della sua permanenza in rossonero. Ha affermato infatti che Theo Hernandez è sicuramente un ottimo, quasi un grande, calciatore. Tutto questo è indiscutibile. Come però è indiscutibile che il Milan abbia contribuito moltissimo alla sua crescita. È in rossonero che è diventato un calciatore completo”. 

Theo Hernandez
Theo Hernandez

Se vuole andare, giusto lasciarlo partire

Dopo il ragionamento sull’essenzialità o meno di Theo Hernandez, Vocalelli ha sottolineato che “tutti, come si dice, sono utili ma nessuno è indispensabile. E soprattutto non bisogna mai trattenere qualcuno contro la sua volontà. Nel calcio di oggi forse mancano i milioni di euro, ma non mancano i giocatori importanti. Se insomma Theo Hernandez avrà intenzione di fare 1-1 con Ibra, cogliendo a pieno il concetto della condivisione, sarà una gran bella notizia. Altrimenti, anche nel calcio è fondamentale non trattenere nessuno con la forza. Perché l’entusiasmo è alla base di qualsiasi successo”.

L’articolo Milan, Vocalelli su Theo: “Se vuole andare, giusto mandarlo via perché…” proviene da Notizie Milan.

Riproduzione riservata © 2024 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 16-06-2024


Milan, senti Mbappé su Maignan: “E’ il numero uno! L’ho sostenuto quando…”

Milan: è stato offerto Hummels, ecco cosa è stato deciso