L’allenatore della Roma Josè Mourinho ha lo stato d’animo letteralmente diviso in due: deluso per la sconfitta della sua squadra attuale e contentissimo per l’accoglienza ricevuta nello stadio della sua ex. Ecco le sue parole a SportMediaset: Emozione e risultato? Due cose completamente diverse, ma che possono coesistere. Il modo in cui mi hanno accolto qui Zhang, Marotta, Zanetti, mi hanno fatto un regalo fantastico prima della partita, la gente che è stata molto carina con me: questo è stato il lato emozionale, posso solo ringraziare. Il mio rapporto con l’Inter e la sua gente non si nasconde, è una cosa che si sente. Sono venuto qui per vincere, per la mia Roma e la mia gente, che oggi è la gente romanista: non siamo riusciti a vincere la partita, ma non posso dimenticare”.

“A parte i primi 5 minuti della partita ho visto una Roma che ha giocato molto bene, contro una squadra con cui non è facile giocare bene. Nel primo tempo abbiamo avuto due occasioni da gol enormi. Nel secondo tempo la partita è stata più dal nostro lato, in controllo, pressavamo bene, abbiamo recuperato bene palla a centrocampo, uscendo con qualità senza però creare grandi opportunità perchè i difensori dell’Inter sono giocatori fortissimi nell’uno contro uno. Il secondo gol ha cambiato la partita, ma anche l’arbitro: secondo me è stato bravissimo, ma ha fatto una partita fino al 2-0 e poi ne ha fatta un’altra. Tatticamente è stato molto bravo. La mia ammonizione? Un giallo a Mourinho è sempre una cosa bella, per il curriculum significa tanto…”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 09-02-2022


Inzaghi: “Tenuto benissimo il campo, bisogna saper soffrire, Bastoni…”

Milan-Lazio probabili formazioni