Il centrocampista dell’Anversa Radja Nainggolan rivela alcuni aneddoti della sua carriera in Italia.

La Gazzetta dello Sport ha intervistato l’ex centrocampista di Cagliari, Inter e Roma Radja Nainggolan; non mancano i retroscena. “Una volta Spalletti mi ha dato una bottigliata in testa. Avevo giocato un primo tempo da schifo contro il Toro. Eravamo tutti lì a guardarci le scarpe senza dire niente, con la testa china, poi lui arriva da me e… ‘stuck’. “Svegliati un po’”, mi disse, tirandomi l’acqua. E giù a ridere. […] Tra un mese compirò 34 anni, ma sto ancora alla grande“.

La Roma è stata la donna della mia vita, e quando finisce un amore così grande non sai se il successivo sarà mai come il precedente. La storia tra me e i giallorossi è finita in modo doloroso, a Milano non ho mai avuto la stessa ‘fiamma’ che mi accendeva nella Capitale. Le dico questa: tempo fa io e Simone Inzaghi ci siamo ritrovati in aereo per andare in vacanza alle Maldive. Siamo stati 6 ore a parlare di calcio, abbiamo anche amici romani in comune. In estate mi ha chiesto di restare all’Inter, ma sono tornato in Belgio. Ormai ero fuori dai piani della società“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 20-04-2022


Udinese-Salernitana probabili formazioni

Arnautovic: “Il me dell’Inter e quello di oggi sono due mondi diversi”