Il nuovo portiere dell’Inter Andre Onana ha descritto accuratamente come è cambiato il suo ruolo.

Andre Onana a DAZN racconta i suoi primi giorni interisti ma non solo. “I primi giorni sono andati bene, ho appreso molto. Sono molto contento di essere qui in questo club molto vicino ai giocatori. Tutto sta andando benissimo. Sono stato a Barcellona, ad Amsterdam: stando qui ho notato che ci sono cose diverse ma anche cose simili alla Spagna. Quella più diversa è l’allenamento dei portieri, qui mi sta piacendo parecchio. Qui si vede il calcio in modo diverso, c’è un’altra forma di pensiero e questo mi aiuterà molto”.

IM_Andre_Onana

Il ruolo di portiere è quello che è cambiato di più: ora i portieri moderni si assumono più rischi, coi piedi e con le mani uscendo dalla zona di comfort. Ogni portiere è diverso, ogni club ha il suo modo di giocare e la sua storia e cerca il portiere più adatto. Io credo di essere un portiere che si assume parecchi rischi, mi piace uscire e giocare coi piedi e vedendo come giocano i miei compagni credo di essere nel club giusto per imparare, crescere e migliorare anche come uomo. Noi portieri dobbiamo prendere delle decisioni: a volte sbagli, devi decidere se uscire o no, ma fa parte della crescita. La cosa più importante è riconoscere le situazioni: con la qualità che abbiamo davanti con Lautaro, Correa, è una fortuna poter contare su questi giocatori e se avrò l’opportunità proverò a giocare direttamente con loro“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 16-07-2022


Inter-Monaco probabili formazioni

Asllani: “Sono quasi svenuto al primo messaggio di Zanetti”