Il nuovo centrocampista dell’Inter Kristjan Asllani si è già messo in mostra nei primi allenamenti stupendo tifosi e staff tecnico.

Kristjan Asllani racconta a Cronache di Spogliatoio pezzi della sua gioventù: “Che emozione aver ricevuto quel messaggio da Javier Zanetti: «Benvenuto all’Inter, Kristjan». Sono mezzo svenuto. Mentre i miei migliori amici servivano ai tavoli, io mi sono ritrovato nella stessa stanza di Romelu Lukaku per fare la prova sotto sforzo durante le visite mediche. Avevo la maglia dell’Inter perché l’Inter mi aveva appena comprato”.

Kristjan Asllani

Ci ho capito poco di quei giorni, sono sincero: un po’ perché i riflettori non fanno per me, e forse Parco Danielli e Piazza Garibaldi sono gli unici luoghi in cui mi sento a casa; un po’ perché nel 2010 avevo 8 anni e in punta di piedi al bar, in mezzo agli anziani più alti di me, cercavo di vedere un pezzetto di schermo con la finale di Champions League contro il Bayern Monaco. Quella notte ho capito che amavo questa squadra. Si sentivano le sedie fremere sulle mattonelle quando Milito ha puntato Van Buyten, poi non ci abbiamo capito più niente. Mi ricordo che è volato per terra qualche bicchiere, e io saltavo e saltavo. Non era un segreto, lo sapevano tutti. Tifavo Inter“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 16-07-2022


Onana: “Il ruolo di portiere è cambiato molto, io sono uno che prende rischi”

Capello: “Milan un po’ frenati dal passaggio di società”