Pablo Daniel Osvaldo ha fatto una vita da giramondo, ma ora che è diventato ricco (non quanto il presunto sosia Johnny Depp e neppure quanto il suo idolo Eddie Vedder, cantante dei Pearl Jam) vuole seguire i propri capricci dopo aver fatto il possibile, insieme al club, per lasciare Roma nell’estate sbagliata. Onestamente parlando, questo Osvaldo per la Roma di Garcia non avrebbe rappresentato una variabile in più in vista del podio Champions, quanto piuttosto un problema sia per motivi caratteriali che per caratteristiche, anche letali in area, ma decisamente fuori registro in termini di corsa, applicazione e partecipazione.

Ora Osvaldo fa anche outing: vuole andarsene dal Southampton che lo ha accontentato sotto tutti i punti di vista, ingaggio e 15 milioni alla Roma, con tanto di clausola rescissoria a 17 milioni che però questo Boca Juniors, destinazione scelta dalla punta oriunda, difficilmente potrà permettersi. Si sono comunque messe in moto le diplomazie del marketing, con sponsorships argentine pronte a sostenere l’affare e accontentare gli inglesi che però proveranno a resistere almeno fino a giugno, a meno che il vecchio pallino Leandro Damiao non si possa spostare per 15 milioni, cioè quasi la metà di quanto l’Internacional avrebbe potuto realizzare due anni fa cedendolo allo Shakhtar.

Damiao rifiutò la destinazione ma ancora oggi per lui non ci sono pretendenti migliori, salvo il solito Tottenham sostenuto più dalle buone parole dei giornalisti e dai nomi interessanti che dai risultati.

Riproduzione riservata © 2023 - CALCIOBLOG

Calciomercato notizie notizie calciomercato

ultimo aggiornamento: 07-10-2013


Milan, Galliani fiducioso: “Momento no, ma i conti si fanno alla fine, ci siamo abituati”

Beretta: “Pochi responsabili che penalizzano tutti, la regola sui cori va rivista”