Goran Pandev ha ripercorso qualche attimo della sua carriera passata in Italia tra Lazio, Inter, Napoli e Genoa.

Goran Pandev a Sportitalia ha rivelato diversi aneddoti sul suo passato lasciandosi andare anche ad una previsione riguardante la vincitrice dello Scudetto. “Con la maglia della Lazio le gare migliori della mia carriera. Dopo il Triplete l’emozione più bella? Sicuramente la Coppa Italia col Napoli, festeggiata come se avessimo vinto la Champions. Siamo tornati a Napoli dopo la finale, la gente era tutta fuori, tengono moltissimo alla maglia. Tra Preziosi e Lotito chi è il più pazzo? Non lo so, con Preziosi sono stato bene, mi ha dato l’opportunità di tornare dal Galatasaray in Italia e giocare per il Genoa che è il club più antico d’Italia con tifosi fantastici. Con Lotito è andata malissimo, Preziosi credo sia molto più bravo“.

Mourinho
Mourinho

Come mi convinse Mourinho a fare il terzino? Per giocare in quella squadra ero pronto a fare anche il terzino. Era più difficile per Eto’o, ma l’abbiamo convinto. Il tecnico ha parlato con tutti, ha detto ‘Se Eto’o fa il terzino, vinciamo la Champions’. Quando vinci, quando giochi bene, i ruoli non sono così importanti. Perché non sta facendo così bene con la Roma? Non lo so, sono cambiate tante cose. Lazio e Roma due piazze molto difficili. Il prossimo anno farà molto meglio, è un anno di transizione, ci sono tanti giocatori nuovi. Lui vuole i suoi, spero che quest’estate arrivi la gente che vuole. La Roma merita di stare in alto. Lo scudetto quest’anno? Il Napoli può vincere lo scudetto, credo sia il suo anno. Inter e Milan hanno sbagliato tante partite. Ci sono sicuramente ancora tante gare, ma credo ce la possa fare. L’Inter è la favorita, ma ha ancora la Champions. Sembra anche un po’ stanca, ha sbagliato la partita che poteva chiudere anche il campionato, quella col Milan. Io voglio ancora vincere, credo nella Serie A col Parma. Non penso al passato, sono concentrato solo sul presente”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 04-03-2022


Oaktree: “Non è nei nostri piani diventare proprietari dell’Inter ma chissà…”

Roma, Bove: “L’emozione del primo goal è durata due giorni, Mourinho considera tutti i giocatori allo stesso livello”