Il portiere della Cremonese Ionut Radu racconta gli attimi successivi all’errore di Bologna e la sua voglia di superarlo.

La Gazzetta dello Sport ha intervistato Ionut Radu che ha illustrato qualche aspetto del progetto della Cremonese. “Il giorno dopo l’errore di Bologna ero giù, è stato un momento molto difficile per me. Ricordo bene le parole di Samir. Aveva ragione, in questi casi bisogna rialzarsi e lavorare ancora più duramente. Dimenticare e imparare dagli errori“.

Nella Cremonese avrò la chance di mostrare il mio valore. Sono in una squadra che ha tanta voglia di fare, che dopo 26 anni è tornata in A con grande determinazione. Anche io sono qui per questo. E per me, per dimostrare ciò che valgo, cosa che non ho potuto fare negli ultimi due anni. Mister Alvini propone un calcio senza paura, che ci ha imposto fin dal primo giorno. È questo che ci ha colpito di più di lui. Chiede di costruire dal basso ma senza esagerare, quando si può fare. Se non c’è la soluzione, devo cercare le punte. Siamo un gruppo nuovo che si sta formando piano piano. Fatto per lo più da giovani con tanta voglia di fare. Qui, ripeto, la determinazione non manca!“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 25-07-2022


Spinazzola: “Dobbiamo alzare l’asticella, Dybala fa vincere le partite”

Biraghi: “Milenkovic si sta allenando con serietà”