Nervi tesi tra il presidente della Salernitana Danilo Iervolino e l’ex direttore sportivo Walter Sabatini; ognuno chiaramente ha la propria versione dei fatti.

Danilo Iervolino risponde alle ultime dichiarazioni di Walter Sabatini e spiega alla Gazzetta dello Sport i motivi dei dissidi. Equivoco? Sabatini crede di prendere tutti per stupidi, ma di equivoco c’è solo lui: pensa di essere il più intelligente, ma è stato bugiardo. Avevo deciso di non parlare, i panni sporchi si lavano in famiglia. Poi, però, ho letto le parole di Sabatini e mi sento in dovere di rispondere Voleva pagare questa commissione: abbiamo litigato perché non accetto queste storture”.

Volevamo aumentare lo stipendio di Coulibaly di 200mila euro, ma avremmo dovuto versare un milione all’agente, impegno che aveva preso Sabatini. Io non mi piegherò mai a questo sistema: se un giocatore riceve una buona offerta è libero di andare. Lui mi ha detto, invece, che con certe logiche convive da tempo e che vista la mia posizione in merito riteneva di non essere l’uomo giusto per la Salernitana. Leggo che si sente da Champions League, vedremo dove andrà: non sa nemmeno far funzionare un computer o mandare una mail. Umanamente sono dispiaciuto per com’è finita: non l’avrei lasciato andare, ma sono successe cose che ritengo gravi. Voglio un altro tipo di calcio“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 06-06-2022


Juventus: interesse per Simeone, non arriverà Muriel

De Ligt criptico: “Quando sarà il momento deciderò se rinnovare”