La bandiera nerazzurra analizza il momento dei nerazzurri e vede nel calciatore argentino le qualità per la rimonta.

Sulle colonne della Gazzetta dello Sport trovano spazio le parole di Beppe Bergomi: “A sensazione, vedo due squadre che arrivano a questo derby con tanta tensione addosso, per come è finito l’ultimo. Due squadre che non stanno bene e che magari giocheranno non tanto per vincere, ma per non prenderle. Si gioca troppo, e l’Inter è la dimostrazione di quanto logorino i tanti impegni. Ci sono uomini chiave in difficoltà: Brozovic, Perisic e Barella sono stanchi.

Bisognerebbe avere più tempo per recuperare per avere più partite belle. Milan e Inter hanno speso troppo finora, poi magari il derby tira fuori energie inaspettate e ci godiamo un grande spettacolo. Cosa non va in attacco? Lo stato di forma di Lautaro in primis. Dzeko fa il suo ma ha pure 35 anni, Sanchez e Perisic pure sono over 30. L’Inter non è giovane, per giocare bene ha bisogno di un lavoro molto dispendioso: è stata per lunghi tratti la squadra che portava più uomini nella metà campo avversaria. L’uomo della svolta? Correa ha caratteristiche diverse dagli altri e ha il guizzo nell’uno contro uno che spacca la gara. È mancato tanto ad Inzaghi“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 01-03-2022


Coppa Italia, San Siro sold out per il derby

Leao: “Devo tutto a Pioli. Voglio segnare più gol”