L’attaccante portoghese del Milan si confessa. Tra presente e futuro, l’obiettivo è diventare decisivo.

Una stagione da protagonista e un ulteriore step da compiere per potersi definire campione. Rafael Leao ha rilasciato una lunga intervista a Dazn. Ecco le sue parole: “L’inizio non è stato facile perché sono arrivato in un campionato diverso e non parlavo l’italiano. Avevo 19 anni e c’erano tanti avversari di alto livello. Tutti però mi hanno dato una mano e adesso le cose vanno meglio”.

A Milanello ha trovato un tecnico che lo sta aiutando a crescere. “Nonostante le difficoltà Pioli mi ha dato fiducia e mi ha schierato titolare. È grazie a lui se sono diventato il giocatore attuale. Mi ha trasmesso la giusta mentalità perché è uno che mi ha spinto a credere sempre in me stesso. Mi diceva: “Tu hai talento, ma ti manca un po’ di mentalità vincente. Se vuoi arrivare al livello di Mbappé e Ronaldo, devi fare la differenza tutte le partite, altrimenti sei un giocatore banale”. L’ho ascoltato molto e nella mia testa è scattato qualcosa quando ho parlato con il mio personal trainer e con la mia famigliaMi sono detto che tutti avrebbero dovuto vedere chi ero davvero ed è successo. Mbappé e Ronaldo sono i due a cui mi ispiro, quelli che guardo di più su YouTube. Io ancora non sono un goleador come loro, un “matador”, ma sto imparando e voglio arrivare a quel livello”.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 01-03-2022


Secondo Bergomi sarà Correa l’arma in più di questa Inter

Crespo e quel retroscena sulla finale di Istanbul