Serie A, 13a giornata: vincono Milan, Inter, Atalanta e Lazio. Risultati e classifica

Risultati e classifica Serie A, 13a giornata: vittorie per Milan, Inter, Atalanta (che straccia la Roma 4-1) e Lazio. Un’altra sconfitta per il Napoli

La 13a giornata della Serie A 2020-2021 prosegue oggi con le ultime sette partite che seguono i tre anticipi di ieri. Qui di seguito tutto il programma con i risultati aggiornati alla fine di ogni match e la classifica.

Torino-Bologna 1-1
Benevento-Genoa 2-0
Cagliari-Udinese 1-1
Inter-Spezia 2-1 (qui lo speciale)
Sassuolo-Milan 1-2

Lazio-Napoli 2-0

Un’altra sconfitta in campionato per il Napoli di Rino Gattuso che, rimaneggiato per le tante assenze in attacco, perde per 2 reti a zero in casa della Lazio nel posticipo serale. Partenza sprint della Lazio che vuole tornare alla vittoria: la conclusione di Immobile al 6′ è alta di poco, ma al 9′ l’attaccante con un bel colpo di testa porta in vantaggio i biancocelesti. La reazione dei partenopei impegna due volte nel giro di un minuto Reina, che deve parare la conclusione prima di Fabian Ruiz e poi di Zielinski. Il gol del definitivo 2-0 per la Lazio arriva al 56′ con un gran destro di Luis Alberto.

Tabellino Lazio-Napoli 2-0

LAZIO (3-5-2): Reina; Luiz Felipe (40′ st Patric), Hoedt, Radu; Lazzari, Milinkovic (40′ st Akpa Akpro), Escalante (35′ st Cataldi), Luis Alberto, Marusic; Caicedo (22′ st Muriqi), Immobile (35′ st Pereira). A disp.: Strakosha, Alia, Armini, Adeagbo, Acerbi, Franco, Anderson. Allenatore: Inzaghi.

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Koulibaly (10′ st Manolas), Maksimovic, Mario Rui (19′ st Ghoulam); Fabian Ruiz, Bakayoko (19′ Lobotka), Zielinski; Politano (10′ st Elmas), Petagna, Lozano (29′ st Malcuit). A disp.: Meret, Contini, Rrahmani, Hysaj, Demme, Llorente. Allenatore: Gattuso.

MARCATORI: 9′ pt Immobile (L), 11′ st Luis Alberto (L).

NOTE: Ammoniti: Escalante, Immobile, Hoedt, Lazzari (L); Lozano, Koulibaly, Lobotka (N).

Atalanta-Roma 4-1

Nel match delle 18.00 l’Atalanta vince in casa e in rimonta 4-1 sulla Roma. I giallorossi passano in vantaggio già al terzo minuto con il gol di Dzeko che su cross di Mkhitaryan approfitta della solitudine in area. Al 9′ il pallonetto di Spinazzola finisce sul palo esterno. Poi sono De Roon e Malinovskyi a provarci mentre nel recupero del primo tempo Gollini deve impegnarsi per parare una punizione di Pellegrini. Subentra Ilicic che serve subito Zapata per il pareggio, al 59′. Dieci minuti più tardi Gosens con un gol di testa porta in vantaggio i padroni di casa. Poi è tutto più facile: Muriel al 72′ fa 3-1 e Ilicic all 85′ cala il poker.

Tabellino Atalanta-Roma 4-1

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Djimsiti, Romero (1′ st Palomino), Toloi; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens (44′ st Mojica); Pessina (1′ st Ilicic), Malinovskyi (36′ st Miranchuk); Zapata (27′ st Muriel). A disposizione: Depaoli, Gyabuaa, Lammers, Rossi, Sportiello, Sutalo, Traore. Allenatore: Gasperini.

ROMA (3-4-2-1): Mirante; Mancini, Smalling, Ibanez; Karsdorp, Pellegrini (36′ st Villar), Veretout (36′ st Perez), Spinazzola (21′ st Peres); Pedro (28′ st Cristante), Mkhitaryan; Dzeko. A disposizione: Calafiori, Diawara, Fazio, Jesus, Kumbulla, Lopez, Mayoral, Santon. Allenatore: Fonseca.

MARCATORI: 3′ Dzeko (R), 14′ st Zapata (A), 25′ st Gosens (A), 27′ st Muriel (A), 40′ st Ilicic (A).

NOTE: Ammoniti: Gasperini, Malinovskyi,(A); Pellegrini, Mirante, Mancini (R).

Classifica Serie A aggiornata al 20 dicembre 2020

  • Milan 31
  • Inter 30
  • Juventus 27
  • Roma 24
  • Napoli 23
  • Sassuolo 23
  • Atalanta 21*
  • Lazio 21
  • Verona 20
  • Sampdoria 17
  • Udinese 15*
  • Benevento 15
  • Cagliari 14
  • Bologna 14
  • Parma 12
  • Fiorentina 11
  • Spezia 11
  • Torino 7
  • Genoa 7
  • Crotone 6

*Una partita giocata in meno

Sassuolo-Milan 1-2

Il Milan conserva il suo punticino di vantaggio sull’Inter ottenendo contro il Sassuolo lo stesso risultato che i cugini hanno ottenuto contro lo Spezia oggi, anche se ci sono un po’ di differenze perché il Diavolo ha giocato in trasferta e contro un’avversaria più tosta, la vera sorpresa di questo inizio di stagione. I neroverdi dell’ex rossonero Roberto De Zerbi, infatti, sono stati a lungo secondi dietro il Milan e solo nelle ultime giornate sono scivolati di qualche posizione e ora sono sesti con 23 punti.

Il Milan è sceso in campo scatenato e al primo minuto si è subito portato in vantaggio con Leao servito dal Calhanoglu, poi al 9’ proprio il calciatore turco-tedesco è andato in rete, ma si è visto annullare la marcatura dal Var a causa di una posizione di fuorigioco. Il raddoppio del Milan è arrivato lo stesso, firmato da Saelemaekers su assist di Theo Hernandez al 26’ e così gli uomini di Stefano Pioli sono andati negli spogliatoi già sul 2-0. Nella ripresa c’è stato solo il gol di Berardi che ha accorciato le distanze quando ormai era l’89’ e, nonostante i sette minuti di recupero, i neroverdi non sono riusciti a pareggiare, permettendo così al Milan di non farsi sorpassare dall’Inter.

Il tabellino di Sassuolo-Milan 1-2:
Marcatori: 1′ Leao, 26′ Saelemaekers (M); 89′ Berardi (S)
Ammoniti: Kessie, Calabria, Romagnoli (M); Berardi (S)

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Toljan (61′ Muldur), Marlon, G. Ferrari, Rogerio (Kyriakopoulos); Bourabia, Lopez; Berardi, Djuricic (57′ Boga), Traoré (85′ Obiang); Defrel (46′ Caputo). A disposizione: Pegolo, Chiriches, Ayhan, Peluso, Magnanelli, Raspadori, Haraslin. All.: De Zerbi

Milan (4-2-3-1): G. Donnarumma; Calabria, Kalulu, Romagnoli, Theo Hernández; Tonali (46′ Krunic), Kessié; Saelemaekers (79′ Castillejo), Çalhanoğlu (86′ Maldini), Brahim Díaz (57′ Hauge); R. Leão. A disposizione: Tătărușanu, A. Donnarumma, Conti, Dalot, Duarte, Musacchio, Colombo, D. Maldini, Roback. All.: Pioli.

Arbitro: Mariani di Aprilia

Inter-Spezia 2-1

Esattamente al contrario dei cugini milanisti, l’Inter ha chiuso il primo tempo sullo 0-0 e ha segnato i suoi due gol nella ripresa: il primo è stato firmato da Hakimi al 52’ su assist di Lautaro Martinez, il secondo, invece, è arrivato al 71’ grazie a un calcio di rigore trasformato da Lukaku. Il penalty è stato assegnato dall’arbitro Fabbri dopo aver consultato il VAR e aver notato un tocco di mano da parte di un difensore dello Spezia. Gli ospiti hanno poi accorciato le distanze solo al 94’ con Piccoli, a un solo minuto dal fischio finale.

L’Inter dunque sale a quota 30 punti, conserva il +3 sulla Juventus e il -1 dal Milan. Lo Spezia è quartultimo con 11 punti, gli stessi della Fiorentina, a +4 da Torino e Genoa che sono in piena zona retrocessione.

Il tabellino di Inter-Spezia 2-1:
Marcatori: 51′ Hakimi, 71′ rig. Lukaku (I), 90’+4′ Piccoli (S)
Ammoniti: Brozovic, Antonio Conte (I), Nzola, Terzi (S)

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, A. Bastoni; Hakimi (80’ Darmian), Barella, Brozovic (66′ Vidal), Gagliardini (46′ Sensi), Young (80’ D’Ambrosio); Lautaro, Lukaku (80’ Perisic). All. Antonio Conte.

Spezia (4-3-3): Provedel; Vignali, Ismajili, Terzi, S. Bastoni; Deiola (72′ Agudelo), Ricci, Mora (72′ Maggiore); Acampora (91′ Mastinu), Nzola (79′ Piccoli), Gyasi (79′ Farias). All. Vincenzo Italiano.

Arbitro: Michael Fabbri di Ravenna

Benevento-Genoa 2-0

Importante vittoria casalinga per il Benevento contro il Genoa. Gli uomini di Pippo Inzaghi hanno fatto tutto nel secondo tempo, dopo che il primo si era chiuso a reti inviolate. Nella ripresa è arrivato il primo gol firmato da Roberto Insigne al 57’ su assist di Hatemaj, poi, all’89’, il raddoppio di Sau su rigore assegnato per un tackle in area di Masiello su Giua.

Il Genoa resta dunque al penultimo posto e non approfitta dei ko di Torino e Crotone per guadagnare un po’ di vantaggio sulle altre squadre in zona retrocessione. Il Grifone ha solo 7 punti come i granata e uno in più dei calabresi. Il Benevento, invece, è a quota 15 punti come l’Udinese (che però ha giocato un match in meno) ed è al momento dodicesimo.

Il tabellino di Benevento-Genoa 2-0
Marcatori: 57′ Insigne (B), 90′ rig. Sau (B)
Ammoniti: Bani (G), Caprari (B), Goldaniga (G), Masiello (B)

Benevento (4-3-2-1): Montipò; Letizia, Tuia (79′ Foulon), Glik, Barba; Hetemaj, Ionita, Improta; Insigne (74′ Tello), Caprari (79′ Sau); Lapadula (79′ Di Serio). A disp.: Manfredini, Lucatelli, Del Pinto, Tello, Viola, Dabo, Foulon, Di Serio, Moncini, Sau, Pastina. All. Inzaghi.

Genoa (4-4-2): Perin; Goldaniga (75′ Zappacosta), Bani, Masiello, Czyborra (58′ Criscito); Ghiglione, Lerager, Sturaro (58′ Radovanovic), Pjaca (58′ Pandev); Destro (72′ Scamacca), Shomurodov. A disp.: Paleari, Zima, Criscito, Scamacca, Behrami, Zajc, Pandev, Radonavonic, Melegoni, Badelj, Rovella, Zappacosta. All. Maran.

Cagliari-Udinese 1-1

A Cagliari i padroni di casa hanno ospitato l’Udinese e l’hanno accolta con un gol al 27’ del primo tempo firmato da Lykogiannis. La prima parte del match si è chiusa con i sardi in vantaggio per quella sola rete, ma in apertura della ripresa, al 57’, è arrivato il pareggio di Lasagna. Non ci sono stati altri gol per il resto della partita che dunque si è chiusa sull’1-1, regalando un punto poco utile a entrambe le squadre.

L’Udinese, che solo a gennaio recupererà il match di andata con l’Atalanta, è undicesima con 15 punti, mentre il Cagliari è tredicesimo con 14 punti.

Il tabellino di Cagliari-Udinese 1-1:
Marcatori: 27′ Lykogiannis (C), 57′ Lasagna (U)
Ammoniti: 45′ Pavoletti (C), 69′ Nandez (C), 75′ Pereyra (U)

Cagliari (4-2-3-1): Cragno; Zappa, Godin, Carboni, Lykogiannis; Marin, Rog (89′ Oliva); Nandez, Joao Pedro (89′ Pereiro), Sottil (77′ Simeone); Pavoletti (64′ Ceppitelli). A disposizione: Vicario; Pinna, Pisacane; Caligara, Pajac, Tramoni; Cerri. Allenatore: Di Francesco.

Udinese (3-5-2): Musso; Becao, Bonifazi (90′ De Maio), Samir; Stryger Larsen (90′ Ter Avest), De Paul, Walace, Pereyra (77′ Mandragora), Zeegelaar; Pussetto (77′ Nestorovski), Deulofeu (55′ Lasagna). A disposizione: Scuffet, Carnelos; Arslan, Coulibaly, Palumbo, Rigo; Micin. Allenatore: Gotti.

Arbitro: Piccinini di Forlì.

Torino-Bologna 1-1

Serie A risultati e classifica domenica 20 dicembre 2020

In questa domenica di campionato ad aprire le danze nel lunch match sono state Torino e Bologna. Allo Stadio Olimpico Grande Torino il primo tempo si è chiuso sullo 0-0, poi, nella ripresa, sono arrivati i due gol: al 69’ il granata sono passati in vantaggio al 69’ con Verdi, che ha messo a segno una rete che è praticamente un autogol, perché lui ha calciato a giro basso e il portiere del Bologna Da Costa con i piedi l’ha messa dentro. Al 78’ è subito arrivato il pareggio da parte dei rossoblù con Soriano, che ha ricevuto palla da Vignato e con una girata ravvicinata ha mandato la palla tra le gambe del portiere granata Milinkovic-Savic.

Il Toro è sempre penultimo in classifica, ma adesso ha 7 punti, uno in più del Crotone che ha perso ieri con la Sampdoria. Il Bologna è al dodicesimo posto con 14 punti come l’Udinese che però deve ancora giocare due partite.

Il tabellino di Torino-Bologna 1-1:
Marcatori: st 25′ Verdi (T); st 34′ Soriano (B)
Ammoniti: pt 26′ Dominguez (B); pt 32′ Lyanco (T); st 8′ Svanberg (B); st 24′ Tomiyasu (B).

Torino (4-3-1-2): Milinkovic-Savic; Izzo (st 41′ Vojvoda), Lyanco, Bremer, Rodriguez; Gojak (st 21′ Meite), Rincon, Linetty; Lukic; Belotti, Bonazzoli (pt 29′ Verdi). A disposizione. Sirigu, Rosati, Buongiorno, Celesia, Edera, Nkoulou, Segre, Zaza. Allenatore. Giampaolo.

Bologna (4-2-3-1): Da Costa; De Silvestri (st 19′ Dijks), Danilo, Svanberg (st 32′ Poli), Tomiyasu; Dominguez (st 19′ Schouten), Medel; Vignato, Soriano, Barrow; Palacio. A disposizione. Breza, Calabresi, Denswil, Khailoti, Baldursson, Ruffo Luci, Pagliuca, Rabbi, Vergani. All. Mihajlovic.

Arbitro: Pasqua di Tivoli (ass. Passeri – Caliari; VAR: Maresca; AVAR: Galetto).

I Video di Calcioblog

Ultime notizie su Inter

Tutto su Inter →