Paolo Zanetti parla della sfida che attende il suo Venezia contro l’Atalanta, c’è speranza nella salvezza ma il calendario è complicato.

Zanetti ci crede alla salvezza del suo Venezia, nonostante le ultime partite sono molto difficili per i lagunari. Inizia parlando così delle assenze: “Modolo ha un problema al menisco abbastanza particolare, non sono troppo esperto con le cose mediche ma ormai ho imparato qualcosa anche seguendo quanto successo a Romero. Stiamo provando a fare una terapia, ci diamo tempo fino a settimana prossima, salterà anche questa gara.

Aggiunge l’allenatore: “Se prossima settimana non si riprenderà andrà operato e finirà la stagione. Vacca ancora non ci sarà ma penso che se la gara con la Salernitana si disputerà mercoledì prossimo ci sarà già per quella gara. Kiyine e Haps sono squalificati.

Conclude così per quanto riguarda i recuperi: “Caldara e Crnigoj hanno avuto un fastidio muscolare ma sono recuperabili, soprattutto Mattia è importante perché siamo senza difensori. Cuisance e Sigurdsson sono recuperati, portiamo via con noi Issa Bah, sta facendo bene con la Primavera, ha qualità interessanti e lo aggrego“.

Parlando dell’avversario, L’Atalanta: “Impossibile che l’Atalanta non faccia un po’ di paura, è un assurdo mettere in discussione Gasperini, è uno dei migliori, poi capita che una squadra possa avere un momento di difficoltà, capita a tutti, alle piccole come alle grandi.

Aggiunge il tecnico: “Quindi l’Atalanta ci deve spaventare ma poi dipende che reazione hai da questa paura, se la trasformi in coesione e voglia di fare l’impresa possiamo farcela, se invece ti porta ansia, paura di sbagliare, allora diventa impossibile battere l’Atalanta, è lì che sta la differenza. Ogni gara ha la sua valenza psicologica“. Conclude la conferenza stampa.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 21-04-2022


Spezia, Thiago Motta: “Nzola? Tutti sono potenziali titolari”

Torino-Spezia: le probabili formazioni, Pellegri parte titolare