Il difensore del Verona, Ceccherini durante l’intervista alla Gazzetta della Sport parla degli attaccanti più pericolosi della A.

Federico Ceccherini, difensore del Verona parla in una intervista alla Gazzetta dello Sport, queste le parole parlando di Tudor: “Beh, però parla tanto durante la settimana, questo è sicuro (ride, ndr). Sa quando bacchettare e quando elogiare. Capisce i momenti giusti per farlo, è un suo grande pregio. Sa come prenderci.

Aggiunge: “Forse lo aiuta anche il fatto che sia stato un grande giocatore e un po’ si sente ancora giocatore. Come filosofia è molto offensivo, ci tiene a spingere e metter sotto l’avversario oltre che sul profilo fisico anche su quello del gioco. Se il pallone ce l’abbiamo noi, gli altri non attaccano: è la sua mentalità“.

Poi viene chiesta la top 5 secondo lui degli attaccanti in Serie A: “Simeone per me è il primo, in allenamento mi fa correre come un pazzo, non vorrei mai averlo contro. Sembra che ti marchi lui. Poi Immobile, Vlahovic, Zapata e Osimhen“.

Riproduzione riservata © 2022 - CALCIOBLOG

ultimo aggiornamento: 22-04-2022


Atalanta, De Roon: “Secondo me non si sta chiudendo nessun ciclo”

Inter, Gosens: “Perisic? Dopotutto, vengo a prendere il posto di qualcuno”