Calciomercato: L'Inter è pronta a cedere Sneijder al Galatasaray. Ora dipende tutto dal giocatore

Il Galatasaray vuole Wesley Sneijder. La notizia si era già diffusa nei giorni scorsi, ma fino a pochi minuti fa non era altro che uno dei tanti rumors di mercato che si sentono in questo periodo. Oggi pomeriggio il presidente del club turco, Unal Aysal, ha ammesso pubblicamente l'interesse per il trequartista olandese in rotta con l'Inter da fine settembre. Aysal in un'intervista esclusiva alla tv tematica del club, ha raccontato ai propri tifosi di aver pranzato con Massimo Moratti lunedì scorso, proprio per iniziare una trattativa per il numero 10 nerazzurro che sembra non avere più estimatori nelle varie big europee.

L'incontro tra Aysal e Moratti è stato molto discreto, al punto da sfuggire a tutti i cronisti e curiosi del mondo del pallone. Tutti erano convinti che il massimo dirigente turco fosse a Milano solo per parlare con Galliani di Antonini e Boateng nella sede rossonera, ed invece l'obiettivo principale del viaggio in Italia era Sneijder. Probabilmente il Galatasaray potrà garantire all'olandese i 6 milioni netti all'anno che invece l'Inter non è più disposta a riconoscergli, oltre ai 15 che chiedono i nerazzurri per il cartellino, ma al momento è molto difficile che il giocatore accetti di andare a giocare in Turchia, un campionato certamente minore anche alla nostra Serie A in crisi.

Resta incredibile come nessuna big europea si sia ancora fatta avanti per approfittare di questa situazione. Sneijder deve ancora compiere 29 anni ed in carriera ha dimostrato di poter essere molto determinante ad altissimi livelli. Proprio in virtù di questo mancato interesse, Unal Aysal è convinto di avere dei margini di trattativa, anche se non è intenzionato a fare 'follie':

"Lunedì sono stato a pranzo con Moratti. Abbiamo cominciato a intavolare un discorso per Wesley. Chiudere l'affare? Da parte di noi presidenti c'è stata una dichiarazione di volontà in tal senso, ma nel calcio ci sono molti dettagli. La volontà della famiglia è un fattore molto importante. Ho dato mandato ai miei dirigenti di sedersi per trattare, penso che tutto sarà più chiaro nei prossimi giorni. Bisognerà vedere anche se ci sarà un abbassamento delle richieste. Non abbiamo intenzione di fare follie".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: