Il gestaccio di Gerbaudo ai tifosi napoletani: su Facebook insulti tra tifosi

Matteo Gerbaudo esulta facendo gestacci al pubblico napoletano che risponde con un lancio di bottigliette.

di antonio


La finale di Coppa Italia Primavera tra Napoli e Juventus è stata vinta dai bianconeri. E’ stata una partita molto tirata con i tempi regolamentari terminati 1-1 come all’andata e risolta solamente nei tempi supplementari dal gol di Mattiello. Il 2-1 segnato dal giovane juventino nel secondo tempo supplementare ha scatenato l’esultanza dei suoi compagni che sono corsi ad abbracciarlo in massa nei pressi della bandierina. Sembrava la solita esternazione di gioia incontrollata per un gol che valeva un trofeo, con i componenti della panchina che hanno invaso il campo per festeggiare.

Ma nel gruppetto festante si è subito notato un calciatore che si rivolgeva al pubblico napoletano con gesti eloquenti. Era Matteo Gerbaudo, autore tra l’altro dell’unico gol bianconero segnato nella partita di andata. L’arbitro ha notato i gestacci ed ha estratto il cartellino rosso nei confronti del calciatore mentre dalle tribune del San Paolo piovevano oggetti di vario genere all’indirizzo dei giocatori juventini. La rivalità tra Juventus e Napoli è molto sentita, non c’è dubbio.

A fine partita sulla sua pagina ufficiale di Facebook Gerbaudo si è limitato a postare una foto della premiazione e una frase (“Coppa Italia e primi 1000 fan! Grazie a tutti!”), evitando di tornare sull’episodio dell’esultanza scomposta. Lo spazio è stato invaso dagli insulti tra tifosi delle due squadre e allo stesso Gerbaudo. Insomma, la solita storia. Gianluca Pessotto, Vice Direttore del settore giovanile, a fine partita si è voluto invece scusare a nome del club per l’accaduto:

“Complimenti a tutti, è stata una grande vittoria. Sono stati bravi, hanno fatto un’ottima partita e non hanno subito il contraccolpo psicologico del gol subito nel finale. Sono stati squadra sino alla fine. Vincere così è davvero una bella sensazione. Le esultanze eccessive di Padovan e Gerbaudo? Chiediamo scusa perché queste cose, soprattutto nel calcio giovanile, non dovrebbero vedersi. Ci dispiace, perché i ragazzi devono pensare solo a giocare e a concentrarsi su quanto accade campo. Certi gesti non appartengono alla Juventus”.

I Video di Calcioblog