West attacca Milan e Maldini: "Ero il più forte ma non avevo il padrino"

Ricordate Taribo West, il rude ex difensore nigeriano che giocò con Inter e Mlian? Ebbene, l’attuale ‘pastore pentecostale’ ha ieri accusato pesantemente il club rossonero per presunti ‘favoritismi’ ai tempi in cui era tesserato con il club di Silvio Berlusconi. Senza usare giri di parole, West afferma che Paolo Maldini e Billy Costacurta gli venivano preferiti da Alberto Zaccheroni, ma non per motivi calcistici. "Eravamo in tre - dice West in un’intervista a 'supersport.com' - il mister però puntò sugli italiani nonostante io fossi nettamente il migliore".

Insomma, Taribo West, l’anno in cui il Milan vinceva lo scudetto con Zaccheroni, era il miglior difensore della rosa del ‘Diavolo’, eppure una sorta di regia occulta lo relegava sempre in panchina. Nel corso della stessa intervista, infatti, il nigeriano rincara la dose:

"Nel 2000 giocai la Coppa d'Africa con la Nigeria e quando tornai Maldini si infortunò. Giocai al suo posto ma la cosa non andò giù a molti. Mi dissero chiaramente che nessuno poteva fare fuori Maldini perché lui aveva un padrino nel club".

Nonostante l’addio all’Inter di un paio di stagioni prima, West rimase in ottimi rapporti con il patron nerazzurro Massimo Moratti, che in una telefonata, gli avrebbe confermato che è normale che al Milan ci fosse un ‘padrino’ che decidesse chi doveva scendere in campo. Ecco come racconta la vicenda l’ex difensore nigeriano:

"Visto che avevo un buon rapporto con lui - rivela ancora West - lo chiamai per raccontargli quello che stava succedendo e lui mi rispose che a Milano era una cosa normale. Non si poteva prendere il posto di Maldini. Rimasi sotto shock".

Insomma, tutto ciò che si diceva sul conto di West, che fosse uno mezzo matto e che avesse gravi problemi di salute, erano solo falsità inventate per poter giustificare la sua estromissione dalla formazione titolare:

"All'epoca dissero tante falsità sul mio conto perché volevano farmi fuori, ad esempio quella che ero malato di cuore come Kanu. Nelle quattro partite che ho giocato sono sempre stato il migliore in campo, eppure il mio contratto non fu rinnovato... ", conclude Taribo West.

Per chi non lo ricordasse, tempo fa West è assurto alle cronache internazionali per aver mentito sulla sua reale età: quando arrivò all’Inter, infatti, l’ex difensore non aveva 23 anni, bensì 35 essendo nato il 26 marzo 1962. A rivelare l’arcano fu il Partizan Belgrado, dove arrivò dichiarando di avere 28 anni, quando in realtà ne aveva già 40.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: