Il solito Balotelli: vuole fuggire da Coverciano, Prandelli lo blocca

Sfiorata nel ritiro della nazionale l’ennesima “Balotellata”. Il bomber del Milan, Mario Balotelli, si è fermato ieri per un indolenzimento all’adduttore che lo costringerà a saltare la prima delle due gare che la nazionale italiana affronterà in questi giorni. Domani sera, contro la Danimarca, Balotelli non scenderà in campo, ma proseguirà la terapia di recupero agli ordini dello staff medico azzurro. Lo ha deciso Cesare Prandelli, che molto probabilmente si è già pentito di aver convocato l’attaccante rossonero nonostante il codice etico (il giocatore viene da una squalifica di tre turni per insulti all’arbitro Banti al termine di Milan - Napoli).

Sì, perché una volta certificato l’infortunio, ieri Balotelli ha raccolto le sue cose a Coverciano e stava per lasciare il ritiro dell’Italia, probabilmente per raggiungere la compagna Fanny Neguesha con la quale pregustava in weekend d’amore. Prandelli, però, d’accordo con la federazione, ha imposto al ragazzo di rimanere in ritiro per continuare a lavorare in vista della gara casalinga contro l’Armenia di martedi prossimo, quando il CT ha intenzione di schierarlo dal primo minuto. Il dottor Castellacci, responsabile dello staff medico dell’Italia,  infatti, ha confermato che il dolore accusato da Balotelli sparirà nel giro di un paio di giorni.

Seppur molto contrariato, dunque, l’attaccante azzurro ha dovuto comunicare alla compagna che i piani per il weekend erano saltati, rinviando l’ennesima fuga d’amore a data da destinarsi. Alla fine della travagliata giornata, la pace tra l’ex Manchester City e il CT azzurro che si sono fatti vedere in pubblico sorridenti e sereni. Ovviamente, fino alla prossima “Balotellata”…

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: