Milan in ritiro per tre giorni per preparare la sfida con l’Udinese

Accantonata la pausa per la nazionale, il Milan ha deciso di fare un ritiro di tre giorni in vista della partita con l’Udinese

Il Milan ha deciso di ricorrere ad un sistema desueto nel calcio moderno per risollevarsi dalla delicata situazione di classifica. Massimiliano Allegri ha infatti chiesto ed ottenuto l’autorizzazione per organizzare una tre giorni di ritiro in vista della partita di sabato contro l’Udinese. L’allenatore è convinto che una convivenza forzata possa aiutare il suo gruppo a ritrovare le motivazioni per tornare a far bene, recuperando il terreno perduto in questi primi due mesi di campionato.

Tutti i componenti della rosa milanista domani sera dormiranno a Milanello nelle stanze solitamente utilizzate in occasione dei ritiri precampionato mentre la sera di venerdì, quella precedente al match contro l’Udinese, resteranno solo i giocatori che verranno effettivamente convocati anche per la partita. Stando a quanto ha riferito l’amministratore delegato rossonero Adriano Galliani ai microfoni di Milan Channel, nessuno ha protestato per questa decisione della società che inevitabilmente costringerà i giocatori a stare lontani da fidanzate, mogli e figli.

“Non é un ritiro punitivo. Certamente abbiamo detto ai giocatori, allenatori, che il Milan non può essere soddisfatto del 12esimo posto in classifica. Serve essere concentrati e rimanere assieme, serve pensare e il ritiro in questo senso ci sembra la soluzione migliore, senza scopi punitivi. É una decisione dell’allenatore, condivisa dalla Società e quindi nessun giocatore ha eccepito nulla. A partire da domani sera, anche i non convocati resteranno a dormire qui. Poi per venerdì sera invece resteranno solo i convocati, anche per motivi legati alla logistica. Nessun giocatore ha avuto alcunché da eccepire. Quando mancano i risultati, c’é sempre una qualche motivazione, dobbiamo scoprirla. Non facciamo il ritiro per motivi di cabala, ma semplicemente perché riteniamo che sia utile per tutti noi”.

Tutti d’accordo dunque con la scelta dell’allenatore, anche Mario Balotelli che finalmente tornerà a disposizione dopo aver scontato la squalifica di tre giornate, così come Kakà, Birsa e Silvestre che hanno ricominciato ad allenarsi con il gruppo dopo aver superato i rispettivi infortuni. Sicuramente il Milan, come valore assoluto della rosa, meriterebbe una classifica migliore dell’attuale, anche se dovrà dimostrare sul campo di poter ancora davvero ambire al podio di questa Serie A. Sarà sufficiente un ritiro di tre giorni per ritrovare la ‘fame’ necessaria?

Ultime notizie su Allenatori

Tutto su Allenatori →