Cagliari-Juventus 1-4 | Telecronache di Zuliani e Paolino, radiocronaca di Cucchi | Video

La vittoria esterna dei bianconeri commentata in diretta

di antonio

La Juventus non si ferma più. A Cagliari, contro una formazione che fa di tutto per metterla in difficoltà, prima soffre e poi dilaga. La Vecchia Signora porta a 11 il suo record di vittorie consecutive salendo a 52 punti, mentre si ferma, dopo 7 risultati utili consecutivi, la striscia positiva del Cagliari fermo a 21 punti. I bianconeri recuperano lo svantaggio iniziale (in gol Pinilla) con un colpo di testa di Llorente alla mezz”ora. Nella ripresa la squadra di Conte dilaga: in gol Marchisio, ancora Llorente e poi Lichtsteiner.

CLICCA QUI PER LA TELECRONACA DI CLAUDIO ZULIANI

C’è da registrare qualche momento di tensione al termine della partita tra Cagliari e Juventus. Alcune decine di tifosi rossoblu si sono piazzati all’esterno del settore ospiti dello stadio Sant’Elia, in attesa dell’uscita dei tifosi bianconeri. Gli ultrà cagliaritani hanno anche staccato alcuni pezzi di cemento, lanciandoli contro gli avversari. Polizia e Carabinieri sono stati costretti a lanciare alcuni lacrimogeni ed effettuare una carica di alleggerimento per far disperdere i facinorosi. Nessuno è rimasto ferito. A fine partita Antonio Conte, dopo il record, ringrazia i suoi ragazzi.

“Faccio i complimenti a tutti, per una volta ci dobbiamo fermare e pensare che nessuno nella storia della Juve aveva fatto quello che abbiamo fatto noi. Meritano un plauso tutti. Però bisogna sempre raggiungere l’obiettivo finale, cercando magari di allungare questa striscia e rendere la vita più difficile a chi verrà dopo di noi”, ha detto l’allenatore della Juve. E’ stata una vittoria non semplice, contro una squadra che aveva pareggiato con la Roma e il Napoli. Abbiamo preso gol su calcio da fermo e poi abbiamo rischiato il 2-0, che sarebbe stato difficile da rimediare. I ragazzi sono stati bravi a riordinare le idee, il Cagliari ha giocato ad alti ritmi per un’ora e forse ha pagato alla distanza. Noi, invece, siamo stati bravi a trovare le soluzioni giuste. Roma e Napoli hanno ottenuto delle ottime vittorie, a conferma che non bisogna mollare mai. Tra poco inizia un tour de force per la Juve, mentre la Roma senza Europa sarà avvantaggiata. E’ giusto che loro guardino avanti e siano ambiziosi”.

Dall’altra parte Lopez non nasconde lo strapotere della Juve e salva la prova degli isolani:

“Sino al secondo gol abbiamo giocato un’ottima partita. Avevamo avuto le palle gol per raddoppiare, con Conti e Dessena, sul quale ha fatto una splendida parata Buffon. Dopo il 2-1 di Marchisio la Juventus ha trovato degli spazi che prima non lasciavamo e ne ha approfittato da grande squadra qual è. Ci penalizza il risultato, però sono contento della parttia che abbiamo fatto: se fossimo rimasti tutti indietro a difenderci sarebbe diventato tutto più difficile. Almeno ci siamo giocati la partita. E’ molto triste, una vergogna che tutto il mondo ha potuto vedere. Non si può andare avanti così, siamo due anni senza stadio. Mi fa ridere chi dice che abbiamo lo stadio aperto a metà: non è così perchè anche la Curva Nord è parzialmente chiusa. Mi dispiace per i tifosi: oggi soltanto 5000 spettatori sono potuti entrare, in caso di apertura totale sarebbero accorsi almeno in 30.000. Noi protagonisti non abbiamo più parole: adesso bisogna passare ai fatti per risolvere questa incresciosa situazione, e anche in fretta”.

Cagliari – Juventus 1-4 | Le foto

I Video di Calcioblog