Pepito Rossi al Mondiale: lo conferma l'agente, a Firenze già il 20 marzo

A poco più di un mese dall'infortunio al ginocchio patito durante la sfida contro il Livorno, l'attaccante della Fiorentina e della Nazionale Italiana Giuseppe Rossi è sempre più ottimista circa un suo rientro in campo prima del previsto, un recupero anticipato che mette di buon umore oltre che se stesso anche i tifosi viola e tutti i suoi sostenitori che desiderano vederlo in azione con la maglia azzurra dell'Italia durante i Mondiali in Brasile. Pepito è ancora negli Stati Uniti con famiglia e fidanzata e non c'è giorno che passi senza alacri sedute di fisioterapie insieme al fido Luke Buongiorno, ieri ha avuto anche il piacere di scambiare due chiacchiere con gli inviati di Sports Illustrated ai quali ha spiegato la sua situazione attuale:

"Il mio obiettivo è quello di tornare prima della fine della stagione per giocare in campionato e poi per disputare il Mondiale in Brasile. Voglio tornare a giocare e tornare a segnare ma devo fare molta attenzione. Ringrazio la società viola per aver sempre creduto in me. Trovare una squadra del livello della Fiorentina dopo due anni di infortunio non è facile. Anche adesso nella riabilitazione mi stanno dando un grande supporto, li ringrazio anche per questo".

Quindi subito di fronte al televisore per gustarsi il ritorno delle semifinali di Coppa Italia che i suoi compagni hanno giocato - e vinto - contro l'Udinese; poco dopo il triplice fischio ha twittato:


Tornando alla sua personale riabilitazione, molto interessanti sono le parole dell'agente Andrea Pastorello che due giorni fa ha raccontato a FirenzeViola.it:

"La riabilitazione procede nel migliore dei modi, non abbiamo mai riscontrato alcun problema al ginocchio né problematiche che possono sorgere in questa fase di lavoro. Inoltre il morale del ragazzo è molto alto e questo aiuta molto il lavoro che si sta eseguendo. Quanto durerà la pratica di riabilitazione? Bisogna distinguere una proiezione pratica sulle tempistiche, che riguarda ovviamente le risposte concrete che si hanno giorno dopo giorno, da quella che è una previsione teorica, ovvero quella che insieme a Luke Buongiorno abbiamo programmato e che prevede il rientro di Giuseppe a Firenze per il 20 di marzo e dunque 10 giorni prima di quanto previsto".

Dunque Mondiale possibile? Continua Pastorello:

"Lo staff medico della Fiorentina è in continuo contatto con quello della Nazionale. E su precisa richiesta di Luke mi sono messo in contatto con la parte organizzativa degli azzurri per avere il programma in modo da organizzare il lavoro di Rossi anche in chiave Mondiale. Detto questo, sempre teoricamente, il mondiale non è a rischio".

Decisamente un periodo felice per Rossi. Relativamente felice.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail