Lettera con proiettili per Genny ‘a Carogna: “Hai le ore contate”

Una lettera con proiettili indirizzata al capo ultrà del Napoli, Genny ‘a Carogna, è stata recapitata lla redazione de ‘Il Mattino’

Mentre l’ufficio indagini della Federcalcio analizza il referto degli 007 che hanno trascritto il colloquio tra Genny ‘a Carogna e Marek Hamsik, sabato sera allo Stadio Olimpico di Roma in occasione di Fiorentina – Napoli, la vicenda si arricchisce di un nuovo e inquietante dettaglio. La redazione del quotidiano ‘Il Mattino’ di Napoli, ha infatti ricevuto una lettera indirizzata proprio al boss della curva napoletana, vero nome Gennaro De Tommaso: all’interno della busta, oltre alla missiva contenente pesanti minacce nei confronti del tifoso e della sua famiglia, anche un proiettile attaccato con del nastro adesivo.

Per rendere ancora più chiaro il destinatario della lettera, come se ce ne fosse bisogno, l’anonimo ha stampato sul foglio la foto di Genny ‘a Carogna appollaiato sulla recinzione dello Stadio Olimpico di Roma:

“Vogliamo far pervenire al camorrista che appare in foto, Gennaro De Tommaso, il presente avvertimento, un risposta a quella scritta sul petto che auspica la liberazione del mafioso Speziale, assassino dell’ispettore Raciti”, si legge nelle prime righe della lettera.

L’assassino di Speziale, come ha raccontato a ‘Piazzapulita’ il padre di Genny, Ciccio De Tommaso, è un amico di famiglia, ospitato proprio a Napoli presso la loro abitazione prima che fosse arrestato. Tornando alla lettera, dopo il primo paragrafo, le minacce nei confronti di Genny si fanno più dirette:

“Stai attento, avanzo di galera. Hai le ore contate. Penserai che sia una semplice minaccia. Aspetta e vedrai. Morte agli ultras!!! Carogna, attento a te, ai tuoi familiari e a tutti quei coglioni che sono alle tue spalle!!!”.

La parte finale della missiva, invece, ha come obiettivo la società del Napoli, la Federcalcio e persino la Rai e il cronista che ha raccontato in diretta sabato sera quanto accaduto allo Stadio Olimpico di Roma:

“Anche voi della Società Calcio Napoli non siete esenti da responsabilità, così come i mass media che pubblicano solo ciò che fa loro comodo. Questa farsa è stata organizzata con l’assenso della federazione calcio e con la collaborazione dell’operatore tv della Rai. Vi seguiremo nei vostri spostamenti ed al momento opportuno colpiremo!! Che il tifoso napoletano ferito a Roma muoia a presto!! Non dorma tranquillo nemmeno il cronista Tv – conclude la lettera – . Ogni promessa è un debito”.

Ovviamente, una volta ricevuta la missiva, la redazione de ‘Il Mattino’ ha da subito informato le forze dell’ordine, che hanno provveduto a sequestrare la lettera e il suo contenuto per avviare le indagini necessarie ad individuare il mittente.

Foto: Il Mattino

Ultime notizie su Coppa Italia

Tutto su Coppa Italia →