Atalanta-Milan 2-1 | Telecronache di Crudeli e Pellegatti, radiocronaca Rai – Video

La sconfitta dei rossoneri commentata in diretta

di antonio

Il Milan deve dire probabilmente addio alla qualificazione in Europa League. Con la sconfitta di Bergamo i rossoneri si allontanano da Torino e Parma e adesso, per agguantare il sesto posto, dovranno vincere all’ultima giornata contro il Sassuolo e sperare che granata ed emiliani non conquistino i tre punti contro Fiorentina e Livorno. Il futuro di Clarence Seedorf difficilmente si tingerà di rossonero. Dopo le parole che in settimana hanno praticamente screditato il tecnico olandese ci si è messo anche Galliani. Il dirigente, durante l’intervallo di Atalanta-Milan, ha risposto così a suo nipote che gli chiedeva perché Seedorf aveva mandato in panchina Taarabt: “Perché è matto“.

CLICCA QUI PER LA TELECRONACA DI CARLO PELLEGATTI

Numeri e curiosità dopo Atalanta-Milan 2-1: nessuna squadra ha perso più punti del Milan da situazioni di vantaggio (25). Il Milan, prima di questa sfida, era terzo in classifica dietro a Juventus e Roma con 32 punti (considerando solo il girone di ritorno). Il Milan aveva vinto, prima di questa gara, sei delle ultime sette partite di campionato, e non aveva subito gol in cinque di queste. L’Atalanta aveva raccolto un solo punto nelle precedenti cinque giornate, dopo che aveva vinto le precedenti sei partite (record nella storia del club in Serie A). L’Atalanta aveva segnato un solo gol nelle precedenti cinque sfide di Serie A contro il Milan.

Le parole di Colantuono a fine partita:

“Sono felice per la vittoria di quest’oggi, abbiamo disputato un grande campionato. Ad un certo punto abbiamo sognato l’Europa League ma poi abbiamo pagato lo scotto fisico per le sei vittorie consecutive. Però va bene cosi, abbiamo vinto il nostro scudetto. Adesso ci resta l’obiettivo del record di punti, quindi attendiamo il Catania per onorare il campionato fino alla fine. Il goal di Brienza? Me lo auguravo, è un ragazzo che conosco benissimo. Purtroppo qui a Bergamo non è riuscito a dimostrare il suo valore ed è stato spesso beccato dai tifosi. Ma chi lo ha allenato è consapevole delle sue grandi qualità. Il lancio di banane verso Constant? E’ stato un gesto deplorevole che rovina un giorno di festa in cui le tifoserie si sono rispettate”.

E quelle di Seedorf:

“Eravamo venuti qui per vincere, invece è arrivata una sconfitta pesante. Potevamo evitarci quel rigore, ma nel recupero abbiamo sfiorato due volte il 2-1 con Balotelli… Valutazioni? Solo a stagione finita. Io ho la coscienza pulita perché sto facendo bene”. Sul mancato impiego di Taarabt: “Era stanco dopo il derby, così ho messo Honda. Le parole di Galliani? Non commento. Adel ha fatto un certo sforzo fisico nel derby, ho scelto Honda per quella posizione. L’Atalanta ha messo un uomo davanti alla difesa e non siamo riusciti a sfruttare questa situazione. Poi con l’ingresso di El Shaarawy è andata meglio. Balotelli con Pazzini è una storia che ci porteremo avanti ancora una settimana, poi ci sarà un po’ di vacanza. Siete voi che volete vedere loro due insieme. Il Pazzo ha giocato tante partite ed ho già spiegato il motivo per cui non avviene. Pensavo di metterlo anche prima di El Shaarawy ma poi ho cambiato idea”.

Atalanta – Milan 2-1 | La fotogallery

I Video di Calcioblog