Lo strano caso di Paddy Power e il Parma: prima frecciate, poi la crociata

Che Paddy Power non sia un'agenzia di scommesse sportive uguale alle altre è noto da tempo, non fosse altro per tutte le iniziative sui generis di cui si è resa protagonista negli ultimi anni: dalle mutande di Nicklas Bendtner al pagamento di chi aveva puntato sulla vittoria del Catania (quando la Juve vinse tra le polemiche al Massimino due anni fa), oltre che per gli spot sempre particolari (vedere il video in cima per credere): la pubblicità non è mai mancata per la ditta irlandese, quotata in borsa e sulla cresta dell'onda da almeno un lustro. Ma la gestione del "caso Parma", estromesso dall'Europa League per un ammanco di 300mila euro nei versamenti Irpef, pone molte domande, una su tutte ha bisogna di una sola parola e di un punto interrogativo: perché?

Solo pochi giorni nel blog ufficiale di Paddy Power è apparso un post molto aspro nei confronti della società italiana; potete leggerlo integralmente cliccando su questo link, di seguito ne riportiamo la prima parte:

pp_parma

Oggi però su alcune testate cartacee italiane è apparso un "annuncio" quanto meno singolare, in cui Paddy Power sfrutta lo spazio pubblicitario per pubblicare un necrologio nei confronti del calcio, a detta dei bookmakers irlandesi "morto" dopo quanto successo al Parma:

10406963_542555172521031_1826089176479849982_n

Un cambio di strategia netto e repentino, oltre che costoso. Come mai? Cosa c'è dietro? Perché Paddy Power, a prescindere dalle "frecciate" rivolte al club gialloblu tramite blog, oggi ha fatto un'uscita così eclatante? Mera pubblicità schierandosi dalla parte dei più deboli? Una partnership meno redditizia dopo l'esclusione dall'Europa? Riportiamo i fatti, non siamo però in grado di fornirvi risposte.

  • shares
  • Mail