Romero para-rigori ed eroe argentino: solo due anni fa perdeva dal dischetto contro la Juve Stabia

L’eroe dell’Argentina approdata in finale mondiale si chiama Sergio Romero: due anni fa perdeva ai rigori contro la Juve Stabia, oggi si gode il momento ricordando le parate su Vlaar e Sneijder.

E’ il 18 agosto del 2012, meno di due anni fa, quando allo stadio Romeo Menti di Castellammare di Stabia va in scena il terzo turno di Coppa Italia: contro la Juve Stabia allenata da mister Braglia c’è la neo-promossa Sampdoria di Ciro Ferrara, squadra che tra i pali ha confermato Sergio Romero. Il portiere argentino, cresciuto praticamente nell’Az Alkmaar (all’epoca guidata da Louis Van Gaal), era arrivato a Genova sponda blucerchiata un anno prima, difendendo da titolare la porta sampdoriana in Serie B; poi la società dei Garrone decide di riconfermarlo, nonostante l’esoso ingaggio (circa un milione e mezzo di euro), anche in massima serie: prima di esordire in Serie A, per Romero e la sua Samp ci sono le prime partite ufficiali di Coppa Italia, in particolare quella contro le vespe campane appena dopo ferragosto.

I liguri passano in vantaggio con Maxi Lopez a dieci minuti dalla fine, nel recupero pareggia Danilevicius, dopo due tempi supplementari si va ai rigori: nessun Robben e Senijder di fronte, ma Erpen, Agyei, Dicuonzo, Scognamiglio e Danilevicius, collega avversario l’estremo difensore Andrea Seculin. Ebbene per i blucerchiati sbagliano Poli e Maxi Lopez, Romero non riesce che a respingere il tiro di Agyei, giovane ghanese di scuola Fiorentina. Vinsero i gialloblu, per Romero l’antipasto di una storia, quella col calcio italiano, non proprio ricchissima di soddisfazioni: sotto la Lanterna grandi parate miste a topiche clamorose, la scorsa stagione prestito al Monaco dove Ranieri non lo ha proprio visto (solo 3 presenze in Ligue 1, secondo del titolare Subasic che ai Mondiali ha fatto panchina a Pletikosa).

Nonostante le prestazioni in chiaroscuro, il ct dell’Argentina Alejandro Sabella ha sempre avuto fiducia in Sergio Romero, portiere reattivo tra i pali ma insicuro nei fondamentali, El Chiquito (come viene soprannominato, il ragazzino) a soli 27 anni ha già messo in fila ben 53 presenze con la maglia della Seleccion; d’altra parte la tradizione argentina non è propriamente famosa per i portieri anche se Pumpido e Goycochea parevano di tutt’altra caratura rispetto ai colleghi che hanno difeso la porta albiceleste dopo di loro. Ma tant’è, il calcio come la vita è imprevedibile: da Castellammare di Stabia a San Paolo, dai rigori non parati a Dicuonzo e Scognamiglio agli interventi prodigiosi su Vlaar e Sneijder, l’eroe argentino di oggi si chiama Sergio Romero. Un portiere messo alla porta dalla Sampdoria che ora non vede l’ora di venderlo al migliore offerente.

Ultime notizie su Campionati Mondiali

Tutto su Campionati Mondiali →