Milan: Fly Emirates ancora sponsor, ma il contratto sarà legato ai risultati

Continua la trattativa tra il Milan e la compagnia aerea Fly Emirates: il contratto scade a giugno 2015, a ottobre la decisione

Sta per giungere a naturale scadenza il contratto di partnership tra il club Ac Milan e la compagnia aerea Fly Emirates. Main sponsor dei rossoneri dall’estate del 2010, la compagnia aveva siglato allora un contratto quinquennale per qualcosa come 12 milioni di euro l’anno. Attualmente, assieme a Inter e Juventus, il Milan è il club italiano che percepisce maggiori proventi dal main sponsor, anche se parliamo di cifre di gran lunga inferiori a quelle incassate dalle altre big d’Europa. Nei mesi scorsi, Barbara Berlusconi, amministratore delegato del Milan, ha intrattenuto frequenti contatti con Fly Emirates, allo scopo di rinnovare l’attuale contratto che giungerà a naturale scadenza a giugno 2015.

Contatti interlocutori, che fin qui non hanno portato alla definizione del nuovo accordo. Da ambo le parti pare ci sia la volontà di proseguire, ma la compagnia aerea vorrebbe modificare le condizioni dell’attuale contratto. A ottobre è previsto quello che dovrebbe essere il summit risolutore: Fly Emirates vuole continuare a promuovere il proprio brand nella città dello scalo di Malpensa, ma non è molto contenta per la visibilità che ha dato il Milan negli ultimi tempi al marchio. I risultati dei rossoneri nell’ultimo triennio non sono incoraggianti: dopo lo scudetto conquistato da Massimiliano Allegri, sono arrivati un secondo, un terzo e un ottavo posto.

Quest’anno il Milan non disputerà nemmeno le coppe europee e per Fly Emirates ci sarà una vetrina in meno, nonostante ci siano già altri club con cui è in atto una partnership e che prenderanno alla Champions League 2014-2015 (Real Madrid, Arsenal, PSG e Olympiacos su tutti). La compagnia, riferisce ‘Tuttosport’, vorrebbe legare la cifra dell’accordo ai risultati che otterrà sul campo la squadra di Filippo Inzaghi, un po’ come avviene già per altri contratti simili. Fiat, ad esempio, garantisce alla Juventus una quota fissa annua e dei bonus legati alle vittorie sul campo: in questo caso specifico, nell’ultima stagione dei record, i bianconeri hanno incassato 6 milioni di extra dalla partnership con la casa facente parte dello stesso gruppo della proprietà.

I Video di Blogo

Cristiano Ronaldo live su Instagram: “Quel signore dall’Italia che dice bugie…”