La gaffe di Ferrero: “A Moratti dissi: caccia via quel filippino di Thohir” – Video

Il presidente della Sampdoria contro Thoir

di antonio

Massimo Ferrero è il personaggio del momento, ma non è ancora chiaro se in negativo o in positivo. La sua Sampdoria sta volando in classifica e lui se ne compiace senza limiti. Catapultato a giugno in un ambiente nuovo, non si è mai trattenuto davanti ai microfoni e alle telecamere. E’ un pozzo di frasi cinematografiche, di battute che rasentano il trash e spesso anche di gaffes. La sua linea di condotta stravagante è coerente sin dal primo giorno in cui si è presentato per rilevare il club ligure, il suo account Twitter dice (quasi) tutto: Massimo Ferrero (@unavitadacinema). Tra una pubblica dichiarazione d’amore a Ilaria D’Amico e una critica feroce all’inno della Sampdoria, l’imprenditore e produttore cinematografico romano spiazza in continuazione i giornalisti che però con questi personaggi sanno di poterci sguazzare.

L’ultima fatica cinematografica di Ferrero ricalca in parte la disastrosa uscita razzistoide di Carlo Tavecchio che inaugurò la saga di Opti Pobà. “E’ ingiusto che Moratti sia stato trattato così, sono molto dispiaciuto per lui. Io glielo avevo detto: caccia via quel filippino…“. Queste le parole pronunciate dal presidente della Sampdoria a Stadio Sprint. Varriale, dopo una risatina in studio, prova senza troppa convinzione a richiamarlo all’ordine, ma Ferrero, con la sua tipica voce biascicante, ha rincarato: “E’ venuto dall’Indonesia per insultare un emblema del calcio. A Thohir voglio bene, ma non mi deve toccare Moratti”.

Poco prima il botta e risposta ha riguardato l’allenatore del Genoa, Gian Piero Gasperini, e lo stesso Ferrero, sempre a Stadio Sprint su Rai2. “Attenti, correte o vi prendiamo”, ha detto il tecnico dei grifoni dopo la vittoria sul Chievo e Ferrero ha replicato: “Ha da coce sto riso. Vi state allargando. Il Chievo lo abbiamo battuto anche noi, era regalato…”. Ferrero è tornato su Sampdoria – Roma, una partita in cui la formazione di Mihajlovic ha tenuto testa ai giallorossi. Per il presidente blucerchiato, Mihajlovic è come una fidanzata:

“Penso che la Roma sia una grande squadra e sono convinto che alla fine ce la farà a vincere lo scudetto. Chi temo per il terzo posto? Io posso sembrare presuntuoso, forse sono sola una new entry nel calcio, ma credo che nessuno deve temere nessuno. Noi abbiamo avuto tre occasioni, loro solo due. E avessimo messo dentro quell’occasione a Roma questa mattina si sarebbero svegliati tutti sudati. Mihajlovic? Quando sei fidanzato con una bellissima donna tutti la desiderano, per adesso il mister è mio e me lo tengo stretto. Se poi in futuro deciderà di andare se ne riparlerà, ma lui è un grande uomo, una persona seria e sono sicuro che pensa solo alla Samp”.