Sampdoria: Ferrero può chiedere a Garrone 23 milioni di euro

Il nuovo presidente blucerchiato si sarebbe trovato delle spese impreviste cui far fronte: si tratterebbe di pendenze della vecchia gestione

Massimo Ferrero è pronto a presentare il conto ad Edoardo Garrone, ex proprietario della Sampdoria. Secondo quanto scrive oggi il quotidiano ‘Il Secolo XIX’, la cifra imballo ammonterebbe a circa 23 milioni di euro. Si tratta di pendenze economiche risalenti alla precedente gestione blucerchiata e che oggi Ferrero dovrebbe pagare in quanto nuovo proprietario doriano. Se qualcuno pensa che Garrone e Ferrero possano darsi battaglia arrivando addirittura in tribunale, si sbaglia di grosso: i due sono molto amici e a confermarlo è il passaggio di consegne avvenuto lo scorso mese di giugno praticamente a titolo gratuito.

Da circa quattro mesi Ferrero è il nuovo proprietario della Sampdoria, club che ha accettato di rilevare dalla famiglia Garrone gratuitamente, ma accollandosi i circa 15 milioni di euro di debiti certificati. Oggi, però, sono venute fuori delle spese impreviste – oltre che ad esserci entrate considerate a rischio – per le quali il produttore cinematografico romano vorrebbe rivalersi sull’ex presidente. Non si tratta poi di noccioline, bensì di 23 milioni di euro, parte dei quali riguarderebbero i premi personali pattuiti con i calciatori per il mese di giugno.

Chiaramente, secondo Ferrero ricadrebbero nella precedente gestione, avendo rilevato la società proprio a cavallo della metà dell’anno. Garrone, da parte sua, ha già dimostrato in Cda di aver lasciato in società la somma necessaria per coprire tutte le spese anche della stagione 2014-2015. La situazione economica della Samp, dunque, è molto positiva, ma se il presidente riuscisse ad avere dalla precedente proprietà anche questi 23 milioni di euro, disporrebbe di un bel tesoretto da investire eventualmente sul mercato di gennaio, qualora la posizione di classifica facesse sperare in qualcosa di più di una salvezza tranquilla.