Europa League | Uno sguardo alle avversarie delle italiane

Pericoli e punti deboli per le squadre italiane

di antonio

Poteva andare sicuramente meglio alle cinque formazioni italiane impegnate in Europa League. Inter, Fiorentina e Napoli giocheranno l’andata in trasferta, mentre Roma e Torino giocheranno la prima gara in casa. Per i granata l’ostacolo si chiama Athletic Bilbao, la formazione che ha estromesso il Napoli dalla Champions League, ad agosto. Le difficoltà che stanno affrontando i baschi in questa stagione sono abbastanza evidenti: la squadra di Valverde è decima nella Liga e nel girone di Champions League è arrivata terza. Ad ogni modo il confronto si presenta arduo per la formazione di Ventura che avrà contro anche il San Mames e dovrà limitare l’attaccante Aduriz e il talentuoso Muniain. Modulo preferito dal tecnico Valverde: 4-2-3-1.

Il Feyenoord proverà a mettere i bastoni tra le ruote alla Roma con la sua freschezza atletica. In campionato la squadra di Rotterdam è al quarto posto, mentre in Europa League i biancorossi hanno vinto il proprio girone precedendo proprio i campioni in carica del Siviglia. Difesa piuttosto solida con Khalid Boulahrouz e Joris Mathijsen (e nonostante la cessione di de Vrij alla Lazio), mentre in avanti la Roma dovrà stoppare il turco Kazim-Richards. A centrocampo il Feyenoord può contare sul valore di Clasie, già capitano del club e nel giro della Nazionale olandese. Modulo preferito dal tecnico Rutten: 4-2-3-1.

Il Trabzonspor dovrà vedersela con il Napoli. Nel campionato turco la squadra di Trebisonda è a tre punti dal quarto posto, ma con una partita da recuperare. Tra i rossoblu figurano l’attaccante paraguaiano Oscar Cardozo, ex Benfica (8 gol in campionato), l’ex milanista Kevin Constant, oltre all’ex Chelsea Bosingwa, all’algerino Medjani e al maliano Yatabarè. Avversario alla portata del Napoli (se affrontato con la giusta concentrazione). Modulo preferito dal tecnico Yanal: 4-4-2.

Sorteggio non fortunato per la Fiorentina che affronterà il Tottenham. Gli Spurs sono settimi in Premier League, a due punti dal quinto posto e sono arrivati secondi nel girone di EL dietro al Besiktas. Ma il valore dei londinesi non si discute e Pochettino può contare su calciatori come Chadli, Eriksen, Lamela, Soldado, Kane, Dembele, Paulinho, Townsend e Chiriches. Modulo preferito dal tecnico Pochettino: 4-2-3-1.

Sfida affascinante per l’Inter di Roberto Mancini che affronterà il Celtic Glasgow. Il match rievoca lo storico precedente nella finale di Coppa dei Campioni 1967, vinta 2-1 dagli scozzesi. Nel girone di EL i biancoverdi si sono classificati secondi dietro al Salisburgo, mentre in campionato sono primi. In avanti occhio a Stokes e Scepovic, ma l’avversario è sicuramente alla portata dei nerazzurri. Modulo preferito dal tecnico Deila: 4-5-1.