Cagliari-Juventus 1-3 | Telecronache di Zuliani e Paolino, radiocronaca Rai, interviste e statistiche – Video

La vittoria esterna dei bianconeri commentata in diretta

di antonio

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

_
_

IN ALTERNATIVA CLICCA QUI PER LA TELECRONACA DI CLAUDIO ZULIANI

La Juventus supera piuttosto agevolmente il Cagliari al Sant’Elia e chiude l’anno solare da dove lo aveva iniziato, al primo posto della classifica di Serie A. La Vecchia Signora si porta momentaneamente a +4 sulla Roma che sabato sera sarà impegnata allo stadio Olimpico contro il Milan. Dopo tre pareggi di fila i campioni d’Italia tornano alla vittoria superando la squadra di Zeman grazie ai gol di Tevez e Vidal nel primo tempo e di Llorente nella ripresa. Di Rossettini la rete finale sarda. La formazione di Allegri (e di Conte prima) conclude la classifica dell’anno solare con il record di 95 punti totali. Superato il record di 94 punti del 2012. La vittoria della Juve arriva prima della sfida di Supercoppa contro il Napoli, in programma lunedì prossimo a Doha.

Numeri e curiosità – Il Cagliari ha raccolto due soli punti nelle ultime dieci sfide di campionato con la Juventus. In casa, i sardi hanno perso sette delle ultime otto partite coi bianconeri, vincendo l’altra (2-0 nel novembre 2009), l’unica in cui i rossoblu non hanno subito gol. Otto partite consecutive senza vittorie per il Cagliari in campionato (4N, 4P), e nessun gol segnato nelle ultime tre. Il Cagliari è l’unica squadra a non aver ancora vinto una partita in casa in questo campionato (3N, 5P). La Juventus aveva vinto solo due delle ultime cinque precedenti trasferte in Serie A (2N, 1P). Fernando Llorente ha segnato tre gol nelle precedenti due partite giocate in campionato contro il Cagliari. Giorgio Chiellini ha segnato proprio contro il Cagliari, al Sant’Elia, il suo primo gol bianconero in Serie A, nel settembre 2007.

La delusione di Zeman a fine partita:

“Ho scelto il 4-4-2 dopo le valutazioni sulla Juve. E’ la migliore squadra d’Italia e dovevo prendere delle cautele. Ho giocato con quattro difensori centrali per impedire il gioco alto della Juve e abbiamo preso gol su un cross basso. Abbiamo incassato due gol brutti. Non voglio che la squadra giochi per la salvezza. In questo momento siamo messi male, ma la squadra ha margini di miglioramento. Abbiamo disputato tante gare con squadre più forti alla pari o meglio. Oggi, invece, abbiamo affrontato una Juventus molto forte. Per me questa rosa è valida. Qualche volta si, è capitato con in passato. O c’è la bravura dell’avversario o c’è errore nostro. Sul primo gol siamo stati ingannati dalla finta dell’avversario”.

La soddisfazione di Allegri:

“Ero arrabbiato alla fine? Le partite non sono mai finite, specie contro il Cagliari che gioca fino alla fine. Sul 3-1 è ancora aperta, sbagli gol, lo prendi e rischi anche alla fine. Dovevamo gestire meglio dopo il 2-0, dove dopo 7 buoni minuti eravamo fermi. Secondo tempo idem, riprendendo a giocare sul 3-1. Ci stanno i cali di tensione, ma oggi non si poteva sbagliare. Era importante chiudere l’annata al primo posto e prepararci a Doha. Cagliari con 4-4-2? Sono rimasto stupito, però visto il momento e l’avversario, una Juventus che è più forte, ci ha chiuso gli spazi per ripartire. L’abbiamo chiusa presto la partita, poi hanno tirato 5-6 calci d’angolo, continuavamo a dar palla a Buffon che ha toccato troppi palloni. Dovevamo evitare. Zeman è stato intelligente capendo i problemi della partita. Ho la fortuna di allenare un gruppo che ha voglia di vincere e di continuare a stupire di cercare imprese come vincere il quarto campionato e far bene in Champions. Sotto questo aspetto ho molta fiducia, e non scordiamoci Supercoppa e Coppa Italia”.

Cagliari-Juventus 1-3 (0-2) | Tabellino

Cagliari (4-4-1-1): Cragno 5; Benedetti 5 (1’st Donsah 6), Ceppitelli 5, Rossettini 6, Capuano 5,5; Balzano 5,5, Conti 5, Ekdal 6, Avelar 5,5; Cossu 5, Ibarbo 5 (30’st Caio Rangel 5,5). In panchina: Carboni, Pisano, Murru, Crisetig, Barella, Capello, Joao Pedro, Dessena, Longo, Farias. Allenatore: Zeman 5.

Juventus (4-3-1-2): Buffon 6,5; Lichtsteiner 6, Ogbonna 6,5, Chiellini 6, Evra 6,5; Marchisio 7, Pirlo 7, Vidal 7; Pereyra 6,5 (35’st Padoin sv); Tevez 6,5 (41’st Giovinco sv), Llorente 6,5 (27’st Morata 5,5). In panchina: Storari, Rubinho, Romagna, Mattiello, Pogba, Pepe, Coman. Allenatore: Allegri 6,5.

Arbitro: Mazzoleni di Bergamo.
Reti: 3’pt Tevez, 15’pt Vidal, 6’st Llorente, 20’st Rossettini.
Ammoniti: Rossettini, Capuano, Avelar, Ceppitelli.
Angoli: 8-6 per il Cagliari.
Recupero: 0′, 2′.
Spettatori: 5.000 circa.

Cagliari – Juventus 1-3 | Foto


Cagliari - Juventus 1-3 | Serie A | 18 dicembre 2014 | Foto
Cagliari - Juventus 1-3 | Serie A | 18 dicembre 2014 | Foto
Cagliari - Juventus 1-3 | Serie A | 18 dicembre 2014 | Foto
Cagliari - Juventus 1-3 | Serie A | 18 dicembre 2014 | Foto
Cagliari - Juventus 1-3 | Serie A | 18 dicembre 2014 | Foto
Cagliari - Juventus 1-3 | Serie A | 18 dicembre 2014 | Foto
Cagliari - Juventus 1-3 | Serie A | 18 dicembre 2014 | Foto
Cagliari - Juventus 1-3 | Serie A | 18 dicembre 2014 | Foto
Cagliari - Juventus 1-3 | Serie A | 18 dicembre 2014 | Foto

cag