Mancini contro Montella: “I nostri conti? Venga in sede”

Duello a distanza tra gli allenatori di Inter e Fiorentina: Mancini risponde al collega che aveva parlato di Fair Play Finanziario

Domani l’Inter gioca in casa all’ora di pranzo contro il Genoa: dopo aver pareggiato contro la Juventus a Torino, Roberto Mancini va a caccia dei primi tre punti casalinghi, ma oggi in conferenza stampa ha avuto il tempo di polemizzare a distanza con Vincenzo Montella, allenatore della Fiorentina. “L’Inter ha fatto due colpi, sembrava che non avessero risorse… Mi piacerebbe capire un po’ di più di questo fair play finanziario”, ha detto il tecnico viola nel corso della sua di conferenza stampa, alla vigilia di Fiorentina-Palermo. Il riferimento dell’ex centravanti della Roma, è chiaramente agli acquisti di Podolski e Shaqiri, attaccanti prelevati dai nerazzurri con la formula del prestito.

“Vincenzo venga in sede – risponde Mancini – e potrà chiedere spiegazioni. E poi sono cose della società. Detto questo li abbiamo presi in prestito, a giugno poi si vedrà”. Il riferimento di Montella è chiaramente ai conti dell’Inter, finiti da tempo nel mirino dell’Uefa poiché non in linea con i dettami del Fai Play Finanziario: gli ispettori di Platini hanno già avuto tutta la documentazione necessaria e presto comunicheranno ufficialmente la sanzione nei confronti dell’Inter. Si parla di una forte multa o addirittura di una riduzione della rosa in Coppa per il prossimo anno.

Un provvedimento che andrebbe a rendere ancora più difficile la situazione dell’Inter, la cui nuova proprietà è stata costretta ad accendere un mutuo per pagare i debiti contratti dalla gestione precedente: Erick Thohir pagherà una rata trimestrale da 3 milioni di euro (12 milioni l’anno) fino al 2019, quando poi ci sarà anche da fare fronte ad una maxi rata finale da 184 milioni di euro. Chiaramente, si spera che i risultati sportivi migliorino sia in Italia sia in Europa, in modo tale da aumentare anche il fatturato e i conti in generale. La situazione rimane delicata, anche perché il cambio di panchina graverà sulle casse societarie per circa 35 milioni di euro lordi, la metà dei quali dovranno essere versati sul conto in banca di Walter Mazzarri. Da qui le perplessità di Montella, cui però la risposta di Mancini è stata diretta e senza ammissioni di repliche. I conti dell’Inter sono pubblici e nessuno può imputare nulla alla dirigenza se nonostante la difficile situazione finanziaria, abbia deciso eventualmente di indebitarsi ulteriormente.

Ultime notizie su Allenatori

Tutto su Allenatori →